I film dell’estate

Si inizia con "I morti non muoiono" e si finisce con il nuovo film di Tarantino: in mezzo "Toy Story 4", "Il Re Leone" e qualche film che forse state per scoprire solo ora

Sono finite le scuole, ci sono i Mondiali di calcio e finalmente ogni tanto fa un po’ caldo: è estate. Quella astronomica inizierà tra meno di dieci giorni, ma quella meteorologica è già iniziata da più di dieci. Soprattutto, si può considerare già iniziata la stagione estiva del cinema. Ad aprile avevamo messo insieme una lista di film da vedere, che arrivava fino a oggi; ecco quindi la nuova lista, con i film più interessanti e importanti in uscita in Italia da qui fino alla fine dell’estate.

I morti non muoiono – 13 giugno

È un film con una trama da horror, ma è una commedia. Parla infatti di un’apocalisse zombie nella tranquilla cittadina di Centerville, e dei non propriamente eroici e dinamici poliziotti che si trovano ad affrontare l’orda. Il regista è Jim Jarmush e ci recitano Adam Driver, Bill Murray, Selena Gomez, Steve Buscemi, Iggy Pop, Tilda Swinton, Tom Waits e Danny Glover. Gli zombie, tra l’altro, «ripetono le cose che facevano da vivi».

Il grande salto – 13 giugno

È il primo film da regista di Giorgio Tirabassi, che l’ha scritto insieme a Daniele Costantini e Mattia Torre. Parla di due maldestri rapinatori quarantenni che dopo essersi fatti qualche anno in prigione progettano una nuova grande rapina, quella che potrebbe cambiare loro la vita. Oltre a Tirabassi stesso, ci recitano Ricky Memphis, Roberta Mattei, Marco Giallini e Valerio Mastandrea, che interpreta un impiegato delle poste. Mymovies ha scritto che «è una sorta di racconto picaresco che vede protagonisti due disgraziati di quelli che sarebbero piaciuti a Dino Risi e a Monicelli, a Citti e a Steno». Una commedia all’italiana, quindi.

Beautiful Boy – 13 giugno

È diretto da Felix Van Groeningen, regista di Alabama Monroe – Una storia d’amore, e parla di un padre che prova ad aiutare il figlio a uscire dalla dipendenza da metanfetamine. Padre e figlio sono interpretati da Steve Carell e Timothée Chalamet e il film è tratto da due libri, scritti dal vero padre e dal vero figlio a cui si ispira la storia. Owen Gleiberman ha scritto su Variety che è un film «scrupoloso, che ferisce teneramente».

Rapina a Stoccolma – 20 giugno

È in quota “storia vera”, perché racconta la storia della rapina del 1973 dopo la quale si iniziò a parlare di “sindrome di Stoccolma”, la situazione paradossale in cui la vittima di un rapimento, o più in generale di un evento violento, finisce per solidarizzare con il criminale. Ci recitano Ethan Hawke e Noomi Rapace. John DeFroe ha scritto sull’Hollywood Reporter che è «agile e divertente». Per chi volesse approfondire per prepararsi al film, c’è un lungo e piuttosto noto articolo del New Yorker che parla della rapina: “The Bank Drama“, scritto nel 1974.

Toy Story 4 – 26 giugno

Woody, Buzz, Jessie e compagnia tornano per una nuova avventura. Il nuovo arrivato è Forky, un giocattolo un po’ particolare («È un forchetto!») che vive una crisi esistenziale («Non sono un giocattolo, sono spazzatura!») e che a un certo punto si mette nei guai. Toccherà salvarlo. A doppiare Woody nella versione italiana sarà Angelo Maggi. Nei precedenti film la voce di Woody era invece quella di Fabrizio Frizzi, morto nel marzo 2018.

La mia vita con John F. Donovan – 27 giugno

Il nuovo film di Xavier Dolan, con Jacob Tremblay (che si fece notare con nel 2016 in Room, in cui recitò quando aveva nove anni) e con Kit Harington (che dovrà riuscire nell’impresa di non farsi descrivere come “quello che è stato Jon Snow in Game of Thrones“). Oltre a loro ci sono anche Natalie Portman, Kathy Bates e Susan Sarandon. La sinossi del film è: «Rupert Turner (Ben Schnetzer), giovane attore, decide di raccontare la vera storia di John F. Donovan (Kit Harington), star della televisione americana scomparsa dieci anni prima, che in una corrispondenza epistolare gli aveva aperto le porte del cuore, svelando i turbamenti di un segreto celato agli occhi di tutti. Ne ripercorre così la vita e la carriera, dall’ascesa al declino, causato da uno scandalo tutto da dimostrare». Alla maggior parte dei critici americani non è piaciuto, ma Dolan è un regista particolare. Il trailer, comunque, dà una buona mano nello spiegare se, nel caso, è un film che potrebbe interessarvi nonostante i critici.

Ma – 27 giugno

È un horror psicologico con protagonista Octavia Spencer: interpreta una donna che fa amicizia con alcuni ragazzi della sua città dell’Ohio e che poi li invita a casa e lascia che si divertano, chiedendo però loro di non disturbarla. Poi però inizia ad avere atteggiamenti ossessivi e inquietanti. Spencer è nota soprattutto per i suoi ruoli da caratterista e da personaggio gentile e premuroso, qui ha invece un ruolo del tutto diverso. Può essere inserito nella serie di film che ha fatto parlare di un «rinascimento dei black horror». Potrebbe piacervi se vi è piaciuto Get Out, per intenderci.

Yesterday – 4 luglio

È diretto da Danny Boyle e interpretato da Himesh Patel. Parla di un musicista che un bel giorno si sveglia in un mondo in cui apparentemente i Beatles non sono mai esistiti e nessuno tranne lui conosce quindi le loro canzoni. È un po’ un tributo ai Beatles, un po’ una commedia, un po’ un film su uno che riesce a fare successo con una bugia. Ci sono anche Ed Sheeran che interpreta Ed Sheeran che consiglia al protagonista di cambiare la sua “Hey Jude” in “Hey Dude”.

Spider-Man – Far From Home – 10 luglio

Il 23° film dell’Universo cinematografico Marvel e l’ultimo della cosiddetta “Fase 3” della saga. È ambientato dopo la fine di Avengers: Endgame e Spider-Man è sempre Tom Holland. Parla di una vacanza in Europa di Peter Parker e amici, che sarà però interrotta dall’arrivo di Nick Fury, capo dello S.H.I.E.L.D., che lo avverte di un pericolo imminente e gli chiede di dare una mano a Mysterio, interpretato da Jake Gyllenhaal, per battere gli Elementali, delle enormi e potenti creature umanoidi che traggono il loro potere dai quattro elementi. Chissà cosa penserà chi andrà a vederlo senza aver visto prima Endgame.

Good Boys – 18 luglio

Parla di tre ragazzi che, prima che uno di loro vada a una festa, vogliono imparare come si fa a dare i baci. In una strana serie di eventi, finiscono per usare un drone per spiare una coppia più grande che si bacia, e poi si mettono nei casini. Uno dei tre è Jacob Tremblay. Il trailer inizia con Seth Rogen, uno dei produttori, che spiega loro che non possono vedere il trailer del film in cui recitano perché è sboccato e violento: «Benvenuti a Hollywood». Potrebbe piacervi se vi è piaciuto Suxbad – Tre menti sopra il pelo.

Midsommar – Il villaggio dei dannati – 25 luglio

Un altro horror, un genere che si pensa in estate vada bene. È diretto da Ari Aster, il regista di Hereditary, e parla di una vacanza estiva in Svezia che prende una brutta piega. È un horror: per giudicarlo bisogna vedere il trailer e ponderare quanto intriga, quanto spaventa o quanto sembra essere quello che per Fantozzi è La corazzata Potëmkin.

Men in Black – International – 25 luglio

Uno spinoff della serie iniziata nel 1997. Al posto di Will Smith e Tommy Lee Jones ci sono Chris Hemsworth e Tessa Thompson, che hanno già dimostrato una buona alchimia nei film Marvel, dove sono Thor e Valchiria. È ambientato a Londra, ma si chiama International e ci sono anche alcune scene girate anche in Italia. La premessa è che «c’è una talpa tra i Men in Black». C’è una scena in cui Hemsworth lancia un martello.

Fast & Furious – Hobbes & Shaw – 8 agosto

Uno spinoff di Fast & Furious, con Dwayne Johnson e Jason Statham, il cattivo della saga. Si dice che sia il film che ha fatto litigare Vin Diesel e Dwayne Johnson. Il nuovo cattivo è Idris Elba.

Il Re Leone – 21 agosto

È la riedizione del classico a cartoni animati, diretto da Jon Favreau, già regista per Disney del remake del Libro della Giungla. Nella versione originale, le voci saranno di numerosi attori: Simba adulto sarà interpretato dal rapper Donald Glover, mentre l’attore James Earl Jones sarà di nuovo Mufasa, il padre di Simba; era già stato la voce del personaggio nel cartone animato uscito nel 1994. L’attore Chiwetel Ejiofor avrà il ruolo di Scar, lo zio cattivo, Seth Rogen e Billy Eichner saranno Pumba e Timon, John Oliver sarà Zazu.

Stuber – Autista d’assalto – 29 agosto

È una commedia d’azione in cui Kumail Nanjiani interpreta un autista di Uber sulla cui auto sale un detective interpretato da Dave Bautista. Inizia una notte complicata per entrambi.

It – Capitolo 2 – 5 settembre

Racconta la seconda parte del famoso romanzo horror di Stephen King con protagonista Pennywise, il cattivissimo clown (che però può assumere anche altre forme). I ragazzi protagonisti del primo film sono cresciuti e a interpretarli sono, tra gli altri, James McAvoy e Jessica Chastain. Ma ci sono anche dei flashback con protagonisti i ragazzi. Pennywise invece è sempre Bill Skarsgård. Il primo film incassò più di 700 milioni di dollari, e ne era costati solo 35.

Booksmart – 12 settembre

È il primo film diretto Olivia Wild e, come ha scritto Alissa Wilkinson su Vox, «potrebbe essere la commedia indipendente dell’estate». È ambientato in una scuola superiore e parla di due amiche e della loro amicizia: le due amiche sono booksmart, nel senso che sono intelligenti e brave a scuola, ma anche un po’ impacciate e non proprio alla moda nella loro scuola. «Divertente, intelligente ed emozionante», ha scritto Wilkinson.

C’era una volta… a Hollywood – 19 settembre

Il nono film di Quentin Tarantino, che è stato presentato a Cannes dove è in genere piaciuto tanto ai critici americani e poco a quelli italiani. È ambientato, guarda un po’, a Hollywood: alla fine degli anni Sessanta. Ci recitano Leonardo DiCaprio e Brad Pitt, che interpretano un attore, noto per una vecchia serie tv western, e il suo stuntman/assistente. Il film si svolge in tre atti e un ruolo importante ce l’ha anche Margot Robbie, che interpreta l’attrice Sharon Tate, fatta uccidere nel 1969 da Charles Manson.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.