(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

A Salvini non piace andare in Europa

Ha saltato sei delle sette riunioni internazionali in cui si discuteva soprattutto di immigrazione e rimpatri, preferendo la campagna elettorale e la tv

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Tra i compiti del ministro dell’Interno italiano c’è anche partecipare alle riunioni del Consiglio dell’Unione Europea e in particolare del consiglio Giustizia e Affari Interni (GAI). Eppure il ministro Matteo Salvini non vi partecipa quasi mai, preferendo fare campagna elettorale o andare a trasmissioni televisive.

A queste riunioni sono convocati e partecipano tutti i ministri dell’Interno dell’Unione Europea: sono uno dei centri decisionali più importanti dell’Unione. Il Consiglio, infatti, insieme al Parlamento, ha il potere di approvare leggi e funziona come la seconda camera di un parlamento bicamerale. Nel Consiglio GAI i temi discussi sono in genere la lotta alla criminalità organizzata, al terrorismo e all’immigrazione clandestina: argomenti che dovrebbero interessare molto il ministro Matteo Salvini.

Eppure Salvini ha partecipato soltanto a una delle sette riunioni che si sono tenute da quando il governo si è insediato. L’unica riunione alla quale ha partecipato, peraltro, era una riunione informale. In tutto Salvini ha mancato cinque riunioni formali su cinque e ha partecipato a una delle due riunioni informali che si sono tenute da quando è ministro. Salvini ha inviato per sostituirlo il sottosegretario agli Interni Nicola Molteni, uno dei suoi più fidati consiglieri (e considerato da molti la persona che realmente si occupa del lavoro quotidiano al ministero).

Quasi sempre Salvini ha rinunciato a partecipare alle riunioni del GAI per fare campagna elettorale in Italia o per andare ospite in trasmissioni televisive. L’ultima riunione del GAI, ad esempio, si è svolta il 6 e 7 giugno in Lussemburgo. Salvini ha inviato il sottosegretario Molteni, mentre lui si è recato a Prato per appoggiare il candidato del centrodestra al ballottaggio (che ha poi perso) e per andare ospite in una popolare trasmissione televisiva pomeridiana condotta da Barbara D’Urso.

Pagella Politica ha calcolato che gli altri stati membri hanno inviato i loro ministri alle riunioni formali del GAI in media 3,3 volte su 5. I grandi paesi fanno un po’ peggio: la Germania ha inviato il suo ministro due volte su cinque, la Spagna una soltanto e la Francia, come l’Italia, mai. Inviare un sottosegretario al posto del ministro non è così insolito, quindi, ma inviando un politico di rango inferiore si rischia di perdere capacità di influenzare gli altri leader. Questo è un problema in particolare per paesi come l’Italia che si trovano in prima linea nella gestione dell’immigrazione e avrebbero bisogno di persuadere gli altri stati membri per ottenere maggiori contributi e aiuti.

Una delle ragioni che potrebbero aver spinto Salvini a non partecipare è che l’unica volta in cui l’ha fatto, lo scorso settembre, ha avuto un diverbio che ha fatto il giro di tutta la stampa europea. Salvini infatti è riuscito a litigare con il ministro dell’Interno del Lussemburgo che, durante una sua tirata contro l’immigrazione, lo ha interrotto ricordandogli i numerosi italiani partiti per andare a lavorare in Lussemburgo nel Dopoguerra, sottolineando questo concetto con l’espressione francese: «Merde alors!», che significa più o meno “porca vacca”.

La scarsa partecipazione di Salvini agli incontri europei non è l’unico indicatore di quanto poco Salvini si dedichi agli impegni strettamente istituzionali. Lo scorso marzo il sito Openpolis aveva pubblicato l’elenco dei suoi impegni elettorali e non istituzionali nei primi mesi del 2019 (cioè comizi e altri eventi di partito): era venuto fuori che in meno di 90 giorni Salvini aveva partecipato a 69 eventi, una media di quasi uno al giorno. Lo scorso maggio Repubblica aveva calcolato che fino a quel punto Salvini nel 2019 aveva trascorso al ministero soltanto 12 giorni, “che diventano 17 se aggiungiamo — con una certa dose di ottimismo — cinque giorni in cui non si capisce bene dove sia stato”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.