(AP Photo/Kirsty Wigglesworth, pool)
  • Mondo
  • martedì 21 maggio 2019

Il nuovo piano di Theresa May su Brexit

Prevede in sostanza la possibilità di indire un nuovo referendum e introdurre una unione doganale temporanea con l'UE, ma a nessuno sta piacendo particolarmente

(AP Photo/Kirsty Wigglesworth, pool)

La prima ministra britannica Theresa May ha annunciato nel pomeriggio di mercoledì i tratti essenziali del suo nuovo piano per Brexit, che dovrà essere sottoposto al Parlamento entro il prossimo 31 ottobre, la data entro la quale il Regno Unito sarà ufficialmente fuori dall’Unione Europea. May ha annunciato il piano dopo il fallimento dei negoziati coi Laburisti per un compromesso sul vecchio accordo, già bocciato tre volte dal Parlamento britannico, e comprende alcune delle concessioni fatte durante le trattative: sembra però che il nuovo accordo non piaccia né ai Laburisti né all’ala più radicale dei Conservatori.

I punti centrali del nuovo piano sembrano essere un paio: primo, conterrà degli obblighi legali per imporre al futuro governo britannico di cercare alternative al backstop, una parte molto critica dell’accordo raggiunto con l’Unione Europea. Secondo, lascia la libertà ai parlamentari di introdurre un’unione doganale con l’Unione Europea – cosa che di fatto impedirebbe al Regno Unito di stringere accordi commerciali in maniera autonoma, come richiesto dai Conservatori radicali – e impone anche che si tenga un voto in Parlamento sull’opportunità di avere un secondo referendum (una materia su cui ci sono già stati alcuni voti, tutti respinti).

Quando questo nuovo piano sarà messo ai voti nelle prossime settimane, sostiene May, i parlamentari avranno tre scelte molto chiare di fronte a loro: approvare l’accordo, indire un secondo referendum oppure andare a nuove elezioni. Nel caso in cui l’accordo non venga approvato, infatti, ci si aspetta che May si dimetta da prima ministra e leader dei Conservatori.

«Sta diventando il doloroso rituale di un percorso a ostacoli: la prima ministra rende nota la sua visione su Brexit, e i parlamentari fanno la fila per demolirla in Parlamento. Sembra che succederà di nuovo», ha spiegato il corrispondente di BBC dal Parlamento britannico, Chris Mason. I Laburisti ritengono insufficienti le garanzie offerte da May, mentre i Conservatori che spingono per una Brexit più dura considerano il nuovo accordo ancora meno efficace di quello vecchio. «L’accordo viola esplicitamente il nostro programma elettorale», ha fatto sapere Boris Johnson, che qualche giorno fa ha detto pubblicamente di voler sostituire May dopo le sue eventuali dimissioni.

Dal successo o meno del nuovo accordo dipenderà il futuro politico di May: in caso di una nuova sconfitta molti si attendono le sue dimissioni, considerando anche che alle elezioni del 26 maggio il partito Conservatore rischia di ottenere meno del 10 per cento dei voti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.