• Mondo
  • mercoledì 1 maggio 2019

Lo Sri Lanka ha riaperto i social network dopo gli attentati terroristici di Pasqua

Lo Sri Lanka ha riaperto i social network che erano stati resi irraggiungibili dopo gli attentati terroristici di Pasqua, in cui sono morte 253 persone. Subito dopo gli attacchi contro tre chiese e tre alberghi nella capitale del paese, Colombo, e in altre due città, il governo srilankese aveva deciso di sospendere i servizi di diversi social network, tra cui Facebook, Instagram, WhatsApp e Viber, per evitare che si diffondessero notizie sugli attentati e che la comunità musulmana nel paese – circa il 10 per cento della popolazione dell’isola – venisse presa di mira. In seguito alla decisione del presidente Maithripala Sirisena di permettere nuovamente l’accesso alle piattaforme online, il governo ha chiesto alle persone di «usare i social media responsabilmente, anche se il divieto è stato rimosso, per via della delicata situazione nel paese».

Il santuario di Sant’Antonio a Colombo, Sri Lanka (Stringer/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.