Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, in tribunale. (AP Photo/Matt Dunham)
  • Mondo
  • mercoledì 1 Maggio 2019

Julian Assange è stato condannato a 50 settimane di carcere nel Regno Unito

Per aver violato i termini della libertà su cauzione, quando nel 2012 si nascose nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra per evitare l'estradizione

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, in tribunale. (AP Photo/Matt Dunham)

Julian Assange è stato condannato a 50 settimane di carcere da un tribunale del Regno Unito per aver violato i termini della libertà su cauzione nel 2012. Assange, il 47enne fondatore di WikiLeaks, era stato arrestato nel 2010 dalla polizia britannica in seguito a un mandato di arresto europeo e internazionale da parte dell’Interpol, su richiesta delle autorità svedesi, e dopo aver ottenuto di essere liberato su cauzione, persi tutti i possibili ricorsi contro l’estradizione, nel giugno 2012 si era rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Aveva quindi richiesto e ottenuto asilo politico, motivato con i timori di poter essere estradato negli Stati Uniti una volta messo sotto processo in Svezia.

Assange aveva vissuto nell’ambasciata per sette anni fino all’11 aprile scorso, quando il presidente ecuadoriano Lenin Moreno aveva deciso di revocargli l’asilo politico. Assange era stato quindi arrestato nuovamente dalla polizia britannica e il giorno successivo è stato dichiarato colpevole della violazione dei termini della sua libertà su cauzione.

In una lettera letta in aula, Assange ha detto di essere fuggito perché si trovava «in circostanze difficili» e temeva di essere estradato negli Stati Uniti. Si è anche scusato con la corte, per averle mancato di rispetto.

Giovedì, Assange dovrà presentarsi in tribunale per affrontare la richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti per la sua presunta collaborazione con l’allora soldato Bradley Manning (oggi Chelsea Manning) nell’hackerare una password per introdursi nei sistemi informatici governativi e sottrarre dei documenti. La Svezia, che aveva deciso di archiviare le accuse contro Assange, sta considerando la possibilità di riaprire il caso, scrive BBC.