Lionel Messi festeggia la vittoria del campionato al termine della partita contro il Levante (David Ramos/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 29 aprile 2019

Come finisce il calcio in Europa

Juventus, PSG e Barcellona sono già campioni, tutto il resto si deciderà nelle ultime settimane della stagione

Lionel Messi festeggia la vittoria del campionato al termine della partita contro il Levante (David Ramos/Getty Images)

La stagione calcistica europea sta per concludersi. Al termine della Serie A mancano quattro giornate: fra i maggiori campionati europei, quello italiano finirà più tardi, il 26 maggio, insieme alla Ligue 1 francese. La Premier League inglese si concluderà invece fra due settimane, mentre la Liga spagnola ha ancora tre giornate da disputare, così come la Bundesliga tedesca. Alcuni campionati sono già stati vinti, per altri ci sarà ancora da aspettare per sapere chi andrà a giocare le coppe europee e chi verrà retrocesso.

La Serie A è stata il primo campionato, fra i cinque maggiori d’Europa, a conoscere il suo vincitore, che è lo stesso degli ultimi otto anni: la Juventus. Le altre due cose già decise sono la qualificazione del Napoli alla Champions League (decimo anno di fila nelle coppe europee) e la retrocessione del Chievo Verona in Serie B. A quella del Frosinone manca ormai poco, mentre la situazione dell’Empoli dipenderà molto da Atalanta-Udinese in programma lunedì sera. Per la qualificazione alla Champions League, invece, l’Inter sta difendendo il terzo posto mentre Roma, Torino, Milan, Atalanta e Lazio si contendono il quarto: sono comprese in appena quattro punti.

La Premier League è il campionato più aperto. L’anno scorso fu vinto a mani basse dal Manchester City, che quest’anno è ancora primo ma con un solo punto in più del Liverpool, alla ricerca di un titolo nazionale da 29 anni. Mancano soltanto due giornate al termine: il City le giocherà contro Leicester e Brighton, il Liverpool contro Newcastle e Wolverhampton. Fulham e Huddersfield sono matematicamente retrocesse in Championship, mentre l’ultimo posto in Champions League se lo contenderanno Chelsea, Arsenal e Manchester United. Il Watford, invece, potrebbe togliere il posto in Europa League al Wolverhampton se dovesse vincere la finale di FA Cup contro il City.

Sabato il Barcellona ha vinto il suo ventiseiesimo titolo spagnolo con tre giornate di anticipo, al termine di un campionato segnato dalle difficoltà del Real Madrid, che con ogni probabilità terminerà la stagione al terzo posto. La città di Madrid potrebbe però avere tre squadre nella prossima Champions League: oltre ad Atletico e Real, il Getafe, piccolo club dell’area metropolitana della capitale spagnola, è attualmente quarto a pari merito con il Siviglia e potrebbe concludere una stagione sorprendente con la prima qualificazione in Champions della sua storia. Valladolid, Rayo Vallecano e Huesca sono invece vicine alla retrocessione.

Per il Bayern Monaco sembrava una stagione deludente, complicata quasi irrimediabilmente dalla fine di un ciclo e dall’inizio di un atteso ricambio generazionale. A dicembre, con il nuovo allenatore Niko Kovac, aveva nove punti in meno del Borussia Dortmund, capolista fin lì imbattuta della Bundesliga. Da allora, però, il Dortmund è riuscito a sprecare tutto il vantaggio accumulato. Ora, a tre giornate dalla fine, il Bayern è primo con due punti di vantaggio. Al terzo posto il Lipsia è già sicuro del ritorno in Champions League, mentre Norimberga e Hannover sono vicine alla retrocessione. La terzultima classificata, che attualmente è lo Stoccarda, giocherà lo spareggio per la retrocessione contro la terza della seconda divisione.

Il campionato francese è stato vinto per il secondo anno consecutivo e per la sesta volta negli ultimi sette anni dal Paris Saint-Germain. Nonostante abbia sprecato alcuni punti nelle ultime giornate, la squadra allenata dal tedesco Thomas Tuchel era arrivata ad accumulare una ventina di punti di vantaggio in una delle stagioni meno competitive di sempre. La scorsa settimana, tuttavia, il PSG è stato battuto in finale di Coppa di Francia dal Rennes, che ha così ottenuto un posto in Europa League nonostante l’undicesimo posto in classifica. La Coppa di Lega — l’altra coppa nazionale francese — è stata vinta dallo Racing Strasburgo, altra squadra già sicura di un posto in Europa League. Come in Germania, la terzultima classificata giocherà lo spareggio per la retrocessione contro la terza della seconda divisione.

Per quanto riguarda gli altri maggiori campionati europei, in Portogallo mancano tre giornate al termine: Benfica e Porto sono separate da appena due punti. In Olanda, l’Ajax semifinalista di Champions League è primo a pari merito con il PSV Eindhoven. Si deciderà tutto nelle ultime due giornate. In Belgio, Repubblica Ceca e Austria i titoli nazionali verranno assegnati tramite playoff. In Croazia la Dinamo Zagabria ha vinto il titolo sabato scorso con cinque giornate di anticipo. Il campionato russo finisce invece tra quattro giornate e lo Zenit San Pietroburgo è primo con otto punti di vantaggio sul Lokomotiv Mosca.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.