• Sport
  • martedì 2 aprile 2019

Ovviamente c’è chi sta provando a fare surf su una tavola di ghiaccio

Un gruppo di surfisti alle isole Lofoten sta facendo esperimenti da diverso tempo, e Olivier Morin era lì a fotografarli

(Olivier MORIN/AFP/LaPresse)

Il fotografo di AFP Olivier Morin fotografa da cinque anni surfisti nel circolo polare artico, ma non gli era capitato spesso di trovare surfisti che avessero costruito e usassero tavole da surf di ghiaccio. A febbraio ha seguito i tentativi di un gruppo di ragazzi che si sono impegnati con questo obiettivo nelle isole Lofoten, in Norvegia, e ne ha scritto di recente sul blog dei corrispondenti di AFP.

Il gruppo di surfisti vorrebbe fare un documentario su questa esperienza e per finanziarlo ha lanciato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma Indiegogo. Come spiegato sia da Morin (che è stato con loro tra la terza e la quarta settimana di febbraio) che dai surfisti, il primo tentativo per costruire la tavola è consistito nel provare a tagliare blocchi di ghiaccio naturale, ma non ha funzionato, perché il ghiaccio si scioglieva troppo velocemente. I surfisti hanno allora realizzato degli stampi e li hanno riempiti di acqua fredda con alcune decorazioni (ad esempio una testa di merluzzo), per poi farla congelare per due giorni in una stanza a meno 25 gradi.

(Olivier MORIN/AFP/LaPresse)

Soddisfatti del risultato, per quattro giorni hanno provato ad utilizzare la tavola in acqua, operazione che ha richiesto diverse cautele, a partire dalla necessità di più persone per sollevare e spingere in mare la lastra di ghiaccio (che pesa circa 60-70chili) e più attenzione del solito. Nei primi esperimenti, i surfisti hanno scoperto che la loro tavola di ghiaccio ha una resistenza di più o meno 30 minuti nell’oceano, dove l’acqua ha una temperatura di circa 3 gradi Celsius, e per cinque minuti mantiene una forma ottimale per fare surf.

Dopo gli esperimenti di febbraio, a breve il gruppo di surfisti ci proverà di nuovo: hanno calcolato che per riuscire a impratichirsi e stare in piedi sulla tavola di ghiaccio serviranno 20-30 tavole pronte, una squadra che aiuti a portarle in acqua e condizioni ottimali delle onde. Vorrebbero farne un documentario con la speranza che venga diffuso sulla tv norvegese e in festival internazionali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.