• Italia
  • lunedì 1 aprile 2019

Il comune di Milano ha revocato l’autorizzazione al servizio di bike sharing Ofo, che entro oggi deve rimuovere le sue bici dalla città

Il 22 marzo il comune di Milano ha revocato l’autorizzazione concessa al servizio di bike sharing cinese Ofo – quello delle bici gialle, free floating – e ha chiesto alla società di rimuovere tutte le sue biciclette sparse in giro per la città entro il primo aprile. Da tempo infatti Ofo non rispettava i termini del contratto con il comune: ad esempio perché non aveva provveduto a installare su tutte le bici alcuni accessori richiesti dal comune, come il freno e la luce posteriori, il cavalletto e il cestino. A gennaio poi Ofo non aveva pagato il canone di concessione per il 2019.

Ofo fornisce il più importante servizio di bike sharing al mondo, con più di 10 milioni di bici in duecento città, ma nell’ultimo anno ha avuto vari problemi: tra le altre cose in molte grandi città sono state emesse ordinanze per limitare la presenza delle biciclette inutilizzate che intasavano strade e marciapiedi; a Milano capita spesso che vengano gettate nei navigli. A settembre poi un produttore di biciclette di Shanghai aveva fatto causa a Ofo accusandola di non avere pagato conti per circa 10 milioni di dollari.

Una bicicletta del servizio di bike sharing Ofo a Milano, a gennaio 2018 (ANSA/© Mairo Cinquetti/Pacific Press via ZUMA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.