Cesare Battisti al suo sbarco in Italia dopo l'arresto in Bolivia. (ANSA/ETTORE FERRARI)
  • Italia
  • lunedì 25 marzo 2019

Cesare Battisti ha ammesso gli omicidi per cui era stato condannato

Lo ha detto la procura di Milano, dopo avere interrogato l'ex terrorista arrestato a gennaio dopo quasi 40 anni di latitanza

Cesare Battisti al suo sbarco in Italia dopo l'arresto in Bolivia. (ANSA/ETTORE FERRARI)

L’ex terrorista italiano Cesare Battisti, che era stato arrestato lo scorso 13 gennaio dopo una latitanza durata quasi quarant’anni tra la Francia e il Sud America, ha ammesso i quattro omicidi per i quali era stato condannato. Lo ha detto oggi Francesco Greco, procuratore capo di Milano, rendendo conto di un interrogatorio avvenuto nel weekend. Battisti non aveva mai ammesso gli omicidi prima d’ora.

Secondo Greco, Battisti avrebbe detto: «Mi rendo conto del male che ho fatto e mi viene da chiedere scusa ai familiari delle vittime», aggiungendo che le sue azioni erano state compiute nell’ambito di «una guerra giusta». Greco ha spiegato che Battisti non ha detto di essere pentito, e si è rifiutato di fare i nomi di altri complici. «Non si parla di collaborazione con la giustizia, si tratta di importantissime ammissioni, senza chiamare in causa altri protagonisti di quegli eventi», ha detto il procuratore aggiunto Alberto Nobili. Oltre agli omicidi, secondo la procura Battisti ha ammesso anche i tre ferimenti e le varie rapine per cui era stato condannato negli anni.

Battisti, che negli anni Settanta fu membro di un gruppo terrorista di estrema sinistra chiamato Proletari armati per il comunismo (PAC), fu condannato per quattro omicidi avvenuti tra il 1978 e il 1979, come mandante o come esecutore materiale: quelli di Antonio Santoro, un maresciallo della polizia penitenziaria; Lino Sabbadin, un macellaio; Pierluigi Torregiani, un gioielliere; Andrea Campagna, un agente della DIGOS. Fino ad ora, Battisti aveva ammesso la sua partecipazione alla lotta armata e ad alcune rapine, sostenendo però di non aver mai sparato a nessuno.

Sul caso Battisti si sviluppò negli anni un ampio movimento innocentista, e in molti avevano criticato le modalità delle sentenze, basate quasi esclusivamente
sulle testimonianze di Pietro Mutti, collaboratore di giustizia e suo principale accusatore. Le testimonianze di Mutti presentavano diversi passaggi poco chiari e talvolta contraddittori, e cambiò diverse volte versione prima e dopo il processo.

Battisti era scappato all’estero prima che iniziasse il suo processo, nel 1981: prima in Francia, poi in Messico, poi di nuovo in Francia dove divenne scrittore e traduttore e dove venne protetto dalla cosiddetta dottrina Mitterrand, una politica con cui la Francia dava ospitalità e sicurezza a ex terroristi italiani purché questi abbandonassero la lotta armata e la violenza. Nel 2004, però, durante la presidenza Chirac, la Francia concedette l’estradizione in Italia. Battisti presentò diversi ricorsi, respinti, e quindi scappò di nuovo. Venne nuovamente arrestato nel 2007 a Copacabana, in Brasile, dove però nel 2009 gli venne accordato dall’allora presidente Lula lo status di rifugiato politico. Il nuovo presidente brasiliano Jair Bolsonaro, ancor prima dell’elezione, aveva promesso la sua estradizione, poi firmata dal presidente uscente Michel Temer. Battisti era quindi scappato nuovamente, alla fine dello scorso anno, per poi essere arrestato in Bolivia dopo una lunga e ricerca.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.