Leonardo Spinazzola, Moise Kean e Federico Bernardeschi con la Juventus (Miguel MEDINA / AFP)
  • Sport
  • venerdì 15 marzo 2019

I convocati di Roberto Mancini per le prime partite di qualificazione agli Europei di calcio

Ritornano Quagliarella ed El Shaarawy, c'è il nuovo trio italiano della Juventus, Zaniolo e Mancini

Leonardo Spinazzola, Moise Kean e Federico Bernardeschi con la Juventus (Miguel MEDINA / AFP)

Il commissario tecnico della Nazionale maschile di calcio, Roberto Mancini, ha convocato 29 giocatori per le prime due partite di qualificazione agli Europei di calcio del 2020 in programma il 23 marzo a Udine contro la Finlandia e il 26 a Parma contro il Liechtenstein. Mancini ha confermato il blocco di giocatori utilizzato negli ultimi impegni e ha richiamato Fabio Quagliarella e Stephan El Shaarawy, che con Leonardo Spinazzola e Armando Izzo avevano partecipato allo stage di Coverciano. I giocatori tesserati con squadre estere sono tre: Verratti del PSG, Jorginho del Chelsea, Grifo del Friburgo e Piccini del Valencia. I convocati si ritroveranno nel Centro tecnico federale lunedì dopo il fine settimana di campionato.

Portieri: Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Juventus), Salvatore Sirigu (Torino)
Difensori: Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Giorgio Chiellini (Juventus), Alessandro Florenzi (Roma), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Atalanta), Cristiano Piccini (Valencia), Alessio Romagnoli (Milan), Leonardo Spinazzola (Juventus)
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Bryan Cristante (Roma), Jorginho (Chelsea), Stefano Sensi (Sassuolo), Marco Verratti (Paris Saint Germain), Nicolò Zaniolo (Roma)
Attaccanti: Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Fiorentina), Stephan El Shaarawy (Roma), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Moise Kean (Juventus), Kevin Lasagna (Udinese), Leonardo Pavoletti (Cagliari), Matteo Politano (Inter), Fabio Quagliarella (Sampdoria)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.