Cristiano Ronaldo esulta dopo il terzo gol segnato all'Atletico Madrid nel ritorno dei quarti di finale di Champions League (Tullio M. Puglia/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 12 marzo 2019

La Juventus si è qualificata ai quarti di finale di Champions League

Doveva rimontare la sconfitta dell'andata, lo ha fatto battendo 3-0 l'Atletico Madrid con una tripletta di Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo esulta dopo il terzo gol segnato all'Atletico Madrid nel ritorno dei quarti di finale di Champions League (Tullio M. Puglia/Getty Images)

La Juventus ha battuto 3-0 l’Atletico Madrid nel ritorno degli ottavi di finale di UEFA Champions League e si è qualificata ai quarti rimontando la sconfitta per 2-0 subita all’andata. All’Allianz Stadium di Torino non c’è stata partita: l’Atletico Madrid ha subito l’intensità di gioco della Juventus per tutta la durata dell’incontro, senza mai riuscire veramente a reagire. La Juventus ha giocato una partita pressoché impeccabile, trascinata da una tripletta di Cristiano Ronaldo ma anche dalle grandi prestazioni degli altri titolari in campo, in particolare quelle di Emre Can, Federico Bernardeschi e Joao Cancelo, determinanti nelle azioni che hanno portato ai gol.

La Juventus, schierata da Massimiliano Allegri con un 4-3-3 senza Paulo Dybala fra i titolari e con il debuttante Leonardo Spinazzola nel ruolo di terzino sinistro, è partita subito molto forte. Dopo soli quattro minuti di gioco l’arbitro olandese Bjorn Kuipers le ha annullato un gol di Giorgio Chiellini per fallo sul portiere. Nel primo tempo ha tenuto a lungo sotto pressione l’Atletico nella sua metà campo, concedendo soltanto delle brevi ripartenze nei momenti in cui ha rallentato per rifiatare. Alla mezzora di gioco si è portata in vantaggio con un colpo di testa di Cristiano Ronaldo che ha dato inizio alla rimonta. Anche dopo il gol subito, l’Atletico non è riuscito a reagire, più per l’intensità del gioco della Juventus che per il suo assetto difensivo. Si è avvicinato al gol solo con un colpo di testa di Alvaro Morata.

Cristiano Ronaldo dopo aver segnato su rigore il gol della qualificazione (AP Photo/Antonio Calanni)

Il secondo tempo è iniziato con il secondo gol di Ronaldo, ancora di testa, su cross di Joao Cancelo dalla destra. Il gol è stato convalidato dalla Goal Line Technology dopo essere entrato in porta soltanto di qualche centimetro. Anche dopo il secondo gol la Juventus ha continuato a giocare la sua partita nel modo in cui l’aveva iniziata, sfruttando soprattutto la superiorità sugli esterni. A cinque minuti dalla fine le è stato assegnato un calcio di rigore per fallo in area di Angel Correa su Bernardeschi; il rigore è stato poi realizzato ancora da Ronaldo. Dopo cinque minuti di recupero, l’arbitro ha fischiato la fine decretando la qualificazione ai quarti di finale della Juventus e l’eliminazione dell’Atletico, che quindi non potrà giocare la finale nel suo stadio.

Nell’altra partita della serata il Manchester City ha battuto 7-0 lo Schalke 04 e si è qualificato ai quarti di finale con un risultato complessivo, fra andata e ritorno, di 10-2. Le ultime due partite degli ottavi, Barcellona-Lione e Bayern Monaco-Liverpool, si giocano domani sera: all’andata sono finite entrambe 0-0. I sorteggi dei quarti e delle semifinali sono in programma venerdì mattina nella sede svizzera della UEFA.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.