Il luogo dell'incidente. (AP Photo/Yidnek Kirubel)
  • Mondo
  • domenica 10 marzo 2019

Le 157 persone a bordo dell’aereo caduto in Etiopia sono morte

Lo ha detto la compagnia aerea: c'erano anche 8 passeggeri italiani

Il luogo dell'incidente. (AP Photo/Yidnek Kirubel)

Tutte e 157 le persone a bordo del Boeing 737 della compagnia Ethiopian Airlines precipitato domenica mattina in Etiopia sono morte: a bordo c’erano anche 8 italiani. L’aereo era partito da Addis Abeba, in Etiopia, ed era diretto a Nairobi, in Kenya: a bordo c’erano 149 passeggeri e 8 membri dell’equipaggio. Secondo il direttore della comunicazione della compagnia aerea, le persone a bordo erano di almeno 33 nazionalità diverse.

Tra i passeggeri italiani c’era Sebastiano Tusa, archeologo e assessore ai Beni culturali della Regione Sicilia, che stava andando in Kenya per un progetto dell’UNESCO. Tre erano volontari di Africa tremila, una ONLUS con sede a Bergamo, ha confermato il sindaco della città Giorgio Gori: sono il presidente Carlo Spini, la moglie Gabriella Vigiani e il tesoriere Matteo Ravasio. Sull’aereo c’era poi Paolo Dieci, tra i fondatori della ong Comitato internazionale per lo sviluppo dei popoli e presidente di Rete Link, un raggruppamento di organizzazioni di cooperazione internazionale.

Sull’identità degli altri italiani morti nell’incidente i siti di news stanno diffondendo dei nomi, non ancora confermati ufficialmente. Tra gli altri passeggeri c’erano 32 kenyani, 18 canadesi, 9 etiopi, 8 statunitensi, 8 cinesi, 7 britannici e 7 francesi.

L’incidente è avvenuto alle 6.44 (ore italiane), poco dopo il decollo dell’aereo: è precipitato circa 60 chilometri a sud-est di Addis Abeba, vicino alla cittadina di Bishoftu. I contatti con l’aereo si sono interrotti 6 minuti dopo la partenza: il CEO di Ethiopian Airlines ha detto che il pilota aveva chiesto il permesso di tornare indietro poco dopo il decollo. La National Transportation Safety Board, un’agenzia indipendente con sede negli Stati Uniti che si occupa di sicurezza aerea, invierà degli esperti per aiutare Ethiopian Airlines con le indagini.

L’aereo, un Boeing 737 MAX, era nuovo, con il primo volo effettuato lo scorso ottobre. Max Kingsley-Jones, giornalista del sito Flight Global, ha detto a BBC News che Ethiopian Airlines ha un’ottima reputazione: è considerata la migliore e più affidabile compagnia aerea africana, ed è un modelle per molte compagnie internazionali. Un aereo dello stesso modello era caduto lo scorso ottobre in Indonesia, sempre pochi minuti dopo il decollo, con 189 persone a bordo.

Ethiopian Airlines ha pubblicato una foto del CEO Tewolde Gebremariam sul luogo dell’incidente, confermando che non ci sono sopravvissuti e facendo le condoglianze ai famigliari delle persone morte nell’incidente, arrivate anche da vari politici eritrei e kenyoti.

Il luogo dell’incidente. (AP Photo/Yidnek Kirubel)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.