Un aereo della Lion Air in Indonesia (AP Photo/Trisnadi, File)
  • Mondo
  • lunedì 29 Ottobre 2018

Un aereo si è schiantato a Giacarta

Appena tredici minuti dopo il decollo, con 189 persone a bordo: per ora non ci sono notizie di superstiti

Un aereo della Lion Air in Indonesia (AP Photo/Trisnadi, File)

Un Boeing 737 della compagnia aerea indonesiana Lion Air si è schiantato in mare poco dopo il decollo da Giacarta, in Indonesia, con 189 persone a bordo. Non risulta al momento che ci siano dei sopravvissuti all’incidente e il CEO di Lion Air ha detto che tra i passeggeri c’era anche un cittadino italiano. Il volo era diretto a Pangkal Pinang, la principale città sull’isola di Bangka, ma ha perso contatto radio con le autorità appena tredici minuti dopo il decollo, quando in Italia erano le 1.30 di notte (le 6.30 del mattino ora locale). Le operazioni di ricerca e soccorso sono ancora in corso e sono stati recuperati alcuni corpi di persone che erano sull’aereo, dice BBC. Lion Air è la più grande compagnia aerea low cost in Indonesia.

Una mappa di Flightradar che mostra la rotta dell’aereo dal decollo fino al momento in cui sono stati persi i contatti.

Non è ancora chiaro cosa sia accaduto. Pochi minuti dopo il decollo, il pilota dell’aereo ha contattato la torre di controllo dell’aeroporto di Giacarta e ha chiesto di poter tornare indietro, la richiesta è stata approvata ma le comunicazioni con l’aereo sono state interrotte. I dati di volo dell’aereo suggeriscono una rapida e improvvisa discesa verso il mare, ma l’aereo non aveva mandato un segnale di emergenza prima dello schianto. Il Boeing della Lion Air (modello MAX 8) era nuovo e in servizio da meno di due mesi, ma aveva avuto dei problemi domenica durante un volo tra Denpasar e Giacarta: il CEO di Lion Air ha detto che gli ingegneri della compagnia avevano dato il via libera per il viaggio.

Una macchia di carburante in mare, nel punto in cui l’aereo è precipitato (BNPB via AP)

I soccorritori hanno diffuso video e immagini girati nell’area di mare dove si pensa si sia inabissato l’aereo e dove le acque sono profonde tra i 30 e i 40 metri: mostrano i resti dell’aereo e oggetti personali che probabilmente appartenevano alle persone a bordo. Tra i passeggeri c’erano 178 adulti, 1 bambino e 2 neonati; a bordo dell’aereo c’erano anche i 2 piloti e 6 assistenti di volo. Inizialmente si era parlato di 188 persone a bordo, ma il numero è stato poi corretto.

Resti trovati in mare nel punto dello schianto e ritenuti appartenenti all’aereo precipitato (BNPB via AP)

In Indonesia gli aerei sono molto usati per collegare le decine di isole che formano il paese, ma come ha scritto AP negli ultimi anni ci sono stati diversi incidenti aerei, che hanno spesso coinvolto anche la compagnia low cost Lion Air. Lo scorso anno uno dei suoi Boeing si era scontrato con un altro aereo durante le manovre in aeroporto; nel 2016 due aerei della Lion Air si erano scontrati all’aeroporto di Giacarta mentre solo un mese prima un altro aereo della compagnia ne aveva urtato uno della compagnia TransNusa. L’incidente più grave era però avvenuto nel 2013, quando un pilota inesperto aveva sbagliato un atterraggio a Bali finendo con l’aereo in mare e ferendo diverse persone a bordo. Lo scorso anno un’indagine dell’agenzia del volo indonesiana aveva mostrato che nella maggior parte degli aeroporti del paese non venivano rispettati i limiti massimi sul traffico in arrivo e in partenza.