Il nuovo Segretario del PD Nicola Zingaretti. (ANSA/ANGELO CARCONI)

Nicola Zingaretti è il nuovo segretario del PD

Il presidente del Lazio ha vinto le primarie: si parla di un risultato intorno al 65%

Il nuovo Segretario del PD Nicola Zingaretti. (ANSA/ANGELO CARCONI)

Nicola Zingaretti, presidente del Lazio, ha vinto le primarie del Partito Democratico di domenica e sarà quindi il nuovo segretario del partito. I risultati ufficiali arriveranno probabilmente soltanto nel pomeriggio di oggi, ma in base ai dati parziali, Zingaretti avrebbe probabilmente superato il 65 per cento, un dato che ha confermato nel suo discorso della vittoria. Zingaretti era il grande favorito per le primarie, al punto che si era parlato di congresso dall’esito scontato. Entrambi gli altri candidati, l’ex vice presidente della Camera Roberto Giachetti e l’attuale segretario reggente Maurizio Martina, si sono complimentati con Zingaretti augurandogli buon lavoro.

Ora voltiamo pagina, grazie a voi!

Gepostet von Nicola Zingaretti am Sonntag, 3. März 2019

L’agenzia YouTrend, l’unica fonte che ha diffuso i dati parziali basandosi sui dati provenienti da alcuni seggi, stima che Martina si sia fermato intorno al 20 per cento, e Giachetti intorno al 10 per cento. Anche in assenza dei dati definitivi – gli scrutini sono ripresi oggi – è ormai certo che Zingaretti abbia superato il 50 per cento, la soglia oltre la quale il segretario viene eletto direttamente senza passare per l’Assemblea nazionale.

Non ci sono ancora dati nemmeno per quanto riguarda l’affluenza, ma i giornali riportano varie dichiarazioni di fonti del PD che parlano di un risultato sopra le aspettative. Durante la campagna elettorale, i candidati segretari avevano parlato dell’obiettivo di un milione di elettori, ma nella giornata di ieri sono state segnalate code ai seggi e ci sono stati dati che sembrano indicare una maggiore affluenza: alle 13, per esempio, nei 348 seggi della provincia di Milano avevano votato 43.128 persone, il 7,5 per cento in più del 2017. I giornali parlano di 1,7 milioni di votanti, citando fonti di partito: non è però chiaro quanto sia attendibile come dato.

Quelle di ieri sono state le quinte primarie nazionali del PD: le prime si tennero nell’ottobre 2007, quando nacque il partito; le successive nel 2009, nel 2013 e nel 2017. Le prime le vinse Walter Veltroni, le seconde Pier Luigi Bersani e le ultime due Matteo Renzi. Nel frattempo il PD ha anche avuto tre segretari reggenti non eletti alle primarie perché subentrati dopo le dimissioni dei predecessori: è il caso di Dario Franceschini, Guglielmo Epifani e Maurizio Martina.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.