• TV
  • sabato 9 febbraio 2019

Chi è Luis Fonsi, che stasera è ospite a Sanremo

Se vi diciamo "Despacito", vi basta? Stasera canterà con Ramazzotti, ma si è esibito anche davanti al Papa e a Obama, in passato

(Nancy Kaszerman via ZUMA Wire)

Luis Fonsi è uno degli ospiti che parteciperanno alla serata finale del Festival di Sanremo 2019, e si esibirà insieme ad Eros Ramazzotti.
È molto probabile che sappiate chi è, anche se il nome non vi dice nulla mentre lo leggete. Luis Fonsi, infatti, è il cantante portoricano di “Despacito”, la canzone dell’estate 2017 praticamente in tutto il mondo e una delle canzoni più ascoltate di sempre in streaming.

Luis Fonsi, che in realtà si chiama Luis Alfonso Rodríguez López-Cepero, ha 40 anni ed è attivo musicalmente dal 1998, quando uscì il suo primo disco Comenzaré (I Will Begin), che fu un successo a Porto Rico e in America Latina. Quello successivo, Eterno, uscito nel 2000 andò ancora meglio, perché in quel periodo Fonsi registrò un duetto insieme a Christina Aguilera. Nel 2000 suonò anche a Roma al concerto per il Giubileo. Tra le altre cose che ha fatto prima di “Despacito”: aprì i concerti del tour di Britney Spears quando Britney Spears faceva ancora i tour, registrò un duetto con la ex Spice Girl Emma Bunton, vinse un Latin Grammy Award e si esibì a Oslo per la cerimonia dei Nobel per la Pace nel 2009, quando il premio fu assegnato a Obama.
Il suo decimo disco, Vida, è uscito lo scorso 1° febbraio. E contiene un remix di “Despacito”, sì.

Di Luis Fonsi si parlò anche per ragioni politiche, l’anno in cui uscì “Despacito”. Quando il presidente venezuelano Nicolas Maduro cercò di sfruttare il successo della canzone per fare propaganda politica usandone una versione remixata e modificata nel testo, Fonsi pubblicò un messaggio in cui dichiarava di non aver mai autorizzato alcun cambiamento al testo per motivi politici «tanto meno nella deplorevole situazione che vive un paese a cui tengo molto come il Venezuela».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.