Dior, Parigi, 18 gennaio 2019 (Pascal Le Segretain/Getty Images)
  • Moda
  • venerdì 18 gennaio 2019

La sfilata di Dior, con i modelli su un nastro trasportatore

Sono rimasti immobili, spostati automaticamente su una passerella lunga 76 metri

Dior, Parigi, 18 gennaio 2019 (Pascal Le Segretain/Getty Images)

Lo stilista Kim Jones ha presentato alla Settimana della moda maschile di Parigi la sua seconda collezione disegnata per Dior, di cui è direttore creativo da marzo 2018, dopo aver guidato per otto anni Louis Vuitton e averne reinventato lo stile. La collezione è destinata all’autunno-inverno 2019/2020; i modelli non hanno propriamente sfilato ma sono rimasti immobili, spostati da un nastro trasportatore lungo 76 metri.

Jones ha spiegato di aver disegnato una collezione fondata «sull’eleganza e sull’essenza sartoriale di Dior» per cui «ho guardato all’archivio e l’ho modernizzato». È un omaggio al fondatore Christian Dior dove tutto è però aggiornato al mondo d’oggi, dai suoi classici colori (grigio perla, blu notte, nero, azzurro chiaro e malva), ai materiali (come il cashmere e la seta) alle raffinatisssime tecniche artigianali. Per questo ci sono stampe leopardate, scritte e nylon. La sfilata si sarebbe dovuta tenere sabato pomeriggio ma è stata anticipata a venerdì sera per evitare i disagi causati dalle proteste dei “gilet gialli”, che si tengono ormai quasi ogni weekend.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.