(Sea Watch/Facebook)

Weekly Post #3 – Le due navi che non vuole nessuno (podcast)

Perché succedono periodicamente casi come quello della Sea Watch 3 e Sea-Eye, spiegato nella terza puntata del podcast settimanale del Post

(Sea Watch/Facebook)

Il caso delle navi Sea Watch 3 e Sea-Eye, che sono cariche di persone salvate nel Mediterraneo e che da diversi giorni aspettano il permesso di attraccare in un porto europeo, non si è ancora sbloccato: attualmente le navi sono nelle acque territoriali di Malta, ma non hanno ancora ricevuto l’autorizzazione per far sbarcare i naufraghi. È una situazione che abbiamo visto diverse volte la scorsa estate, e che con ogni probabilità rivedremo ancora. Per questo, nella terza puntata del Weekly Post, Luca Misculin ci ha spiegato tutto quello che sta attorno al caso specifico: qual è il problema dal punto di vista legale, cosa fanno le ONG come quelle coinvolte e perché si rifiutano di riportare i migranti in Libia. Matteo Villa, ricercatore dell’ISPI ed esperto di migrazioni, ci ha invece spiegato che anno è stato il 2018, dal punto di vista dei numeri dei flussi migratori. Il Weekly Post è disponibile su Spreakersu Spotify e su iTunes. Ascoltatelo, iscrivetevi e poi consigliatelo a qualcuno, se vi piace.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.