«Buon anno», gli auguri di Google per il 2019

Anche per questo inizio dell'anno Google ha deciso di fare un doodle speciale: i protagonisti sono due piccoli elefanti

«Buon anno» è la chiave di ricerca associata al doodle di Google di oggi, il primo del 2019, l’ultimo fin qui della serie di doodle per le feste. Nel doodle per il primo giorno del nuovo anno ci sono gli stessi due elefantini stilizzati che giocavano con i palloncini mangiando pop corn nel doodle per la notte di san Silvestro, visibile ieri sera e questa notte. Come gli altri anni, il doodle è cambiato intorno a mezzanotte: in quello di oggi, i due elefanti continuano a giocare con i palloncini, ma quello di destra soffia i popcorn dalla proboscide, formando il numero 2019.

Buon anno da Google, dal 2000 in poi
I doodle di Capodanno sono una tradizione di Google che va avanti da moltissimo tempo: quelli che seguono sono quelli degli ultimi 18 anni. Nel corso degli anni Google ha modificato varie volte lo stile e i contenuti dei doodle per il nuovo anno. Si è passati da quelli più rudimentali dei primi anni 2000 a quelli molto elaborati degli anni più recenti. Le immagini permettono di vedere anche come, a prescindere dalle diverse idee usate per augurare un «Buon anno», si sia evoluto anche il design di Google. Se nel 2000 il massimo per augurare buon anno era aggiungere un cappellino da festa al logo; due anni fa invece il motore di ricerca aveva scelto di inserire un uovo animato, che si è schiuso una volta arrivata la mezzanotte del 31 dicembre.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.