• Mondo
  • sabato 22 dicembre 2018

Avete visto anche voi, su Facebook, uno strano video sponsorizzato sui migranti?

Contiene informazioni parziali e sbagliate e l'ha condiviso – e anche sponsorizzato – la pagina ufficiale del governo ungherese

Da due mesi è su Facebook un video di poco più di mezzo minuto che diffonde informazioni parziali e distorte sui migranti. Il video è stato condiviso e sponsorizzato dalla pagina Facebook ufficiale del governo ungherese, guidato dal controverso primo ministro Viktor Orban: significa che ha pagato per farlo comparire sulle bacheche degli utenti italiani. Il post appare semplicemente come “sponsorizzato”.

Come spiegò L’Espresso a inizio dicembre, il video ha «una voce narrante, accompagnata da un musichetta ansiogena», «spiega che dal 2015 a oggi sono entrati in Europa 1,8 milioni di immigrati “e molti altri milioni vorrebbero arrivare”. E fa seguire a questa affermazione una serie di foto di attentati con la scritta in sovrimpressione: “Centinaia di persone hanno perso la vita in vili attentati dall’inizio della crisi migratoria”».

Il video comincia con un momento in cui il belga Guy Verhofstadt – presidente del gruppo Alleanza dei democratici e dei Liberali per l’Europa al Parlamento europeo – dice di volere “più migranti”, ma la frase è presa fuori contesto.

Time to shake up Brussels!

Guy Verhofstadt's idea of more migration is reckless. Hungary rejects this plan. Time to shake up Brussels!

Gepostet von Magyarország Kormánya am Samstag, 13. Oktober 2018

 

In realtà i numeri sui migranti sono diversi e gli studi condotti dicono che il rapporto tra i migranti e la criminalità non è quello suggerito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.