(ARMIN WEIGEL/AFP/Getty Images)

Un regalo di Natale al giorno: –7

Per chi ha bisogno di pensare alla natura e ai fiori quando è in bagno

(ARMIN WEIGEL/AFP/Getty Images)

Ci sono quelli che ogni gennaio aprono un documento Excel, su cui annotano diligentemente quale regalo fare ad ogni amico e parente per il Natale successivo.
A ottobre li comprano.

E poi ci sono quelli che il pomeriggio del 24 dicembre, nel panico delle ultime ore, si trovano in un negozio pieno di gente a comprare i soliti calzini. Puntualmente, negli istanti prima di essere travolti da una famiglia con nonni e carrelli al seguito, si maledicono e si promettono: «L’anno prossimo i regali li compro in anticipo, su internet». Puntualmente, si ritrovano il 24 dicembre dell’anno dopo a essere travolti dalla stessa famiglia, che nel frattempo ha un bambino in più.
Visto che i primi sono supereroi e i supereroi se la cavano benissimo da soli, e visto che quelli della seconda categoria – gli umani, insomma – sono la grande maggioranza, il Post ha pensato a un piano di compromesso per cercare di salvarli.
Un regalo di Natale al giorno: per un mese, fino al 24 dicembre, vi suggeriamo un oggetto che si possa acquistare facilmente online e senza aspettare troppo. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se può funzionare per qualcuno che conoscete, cliccate, comprate, e risolto. Se no, riproviamo il giorno dopo: non chiuderà la pratica-regali, ma speriamo di aiutarvi a smaltirne una parte. E se nel frattempo imbarchiamo qualcuno della mozione Flanagin, anche meglio.

Ormai i regali di Natale, se siete di quelli che li fanno, dovreste averli già pronti. Il calendario dell’avvento consumistico della redazione del Post è entrato nella sua fase finale, quella per i veri e propri ritardatari, e quindi si prende qualche libertà. Prima di tutto quella dell’autocritica: la redazione ha un debole per le cose “di design” e in particolare – vedasi qui e qui – per quelle di Alessi. Con il regalo confermiamo questa tendenza portandola alle estreme conseguenze: vi consigliamo di regalare il Merdolino (è il suo vero nome, non fate quella faccia). È lo spazzolino per wc a forma di piantina verde disegnato all’inizio degli anni Novanta da Stefano Giovannoni. Costa 34 euro, su Amazon, ed è disponibile con il “vasetto” in tre colori diversi: blu, marrone e arancione. È alto 48 centimetri e si presta bene come regalo per chi – bisogna avere confidenza – a volte ha un rapporto complicato con certi bisogni naturali. Magari in abbinamento allo “Squatty Potty“.

Il Post ha fatto una newsletter sui regali di Natale

Se volete fare regali di Natale legati a meno prosaici pensieri, qui ci sono le altre idee del calendario dell’avvento consumistico del Post. Altre ancora le trovate in queste liste divise per budget:

– Regali che costano meno di 20 euro (con l’integrazione di questa seconda lista di regali molto economici)
– Regali tra i 20 e i 60 euro
– Regali tra i 60 e i 100 euro

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.