• Moda
  • martedì 11 dicembre 2018

La moda italiana, premiata ai British Fashion Awards

I più importanti premi britannici della moda sono andati a Pierpaolo Piccioli, Gucci e Miuccia Prada

Miuccia Prada con il premio alla carriera e Pierpaolo Piccioli di Valentino, premiato come stilista dell'anno, Londra, 10 dicembre 2018 (DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP/Getty Images)

Quattro dei quindici premi dei British Fashion Awards – i più importanti premi della moda del Regno Unito, consegnati lunedì sera alla Royal Albert Hall di Londra – sono andati a stilisti e aziende italiane: Pierpaolo Piccioli, direttore artistico di Valentino, è stato scelto come stilista dell’anno; Miuccia Prada ha ricevuto il premio alla carriera; Gucci quello per il marchio dell’anno, ritirato dal direttore creativo Alessandro Michele, mentre il suo amministratore delegato Marco Bizzarri è stato scelto come miglior uomo d’affari per il terzo anno di seguito.

Il premio per i migliori accessori è andato a Demna Gvasalia, direttore creativo di Balenciaga; quello come modella dell’anno a Kaia Gerber (la figlia di Cindy Crawford); quello per lo streetwear di lusso al marchio Off White di Virgil Abloh; quello per la moda maschile a Craig Green e quello per la moda femminile a Clare Waight Keller, direttrice artistica di Givenchy. Waight Keller forse la ricorderete: è la stilista che ha disegnato l’abito di nozze di Meghan Markle, ora Duchessa del Sussex: ed è stata Markle a consegnarle il premio, indossando un suo fasciante abito nero che metteva in rilievo il pancione (Markle è incinta del suo primo figlio con il principe Harry).

View this post on Instagram

@clarewaightkeller 💕

A post shared by Meghan Markle (@hrhofsussex) on

Alla cerimonia hanno partecipato quattromila ospiti, tra cui celebrità ed esponenti della moda britannica e non solo. Tra gli altri c’erano anche Brooke Shields, Penélope Cruz, Uma Thurman, Jerry Hall, Kate Moss, Kylie Jenner, David e Victoria Beckham.

Miuccia Prada con il premio alla carriera, Londra, 10 dicembre 2018
(DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.