Una manifestazione per protestare contro l'uccisione di Jamal Khashoggi, a Istanbul. (BULENT KILIC/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 17 novembre 2018

La CIA ha concluso che fu Mohammed bin Salman a ordinare l’omicidio Khashoggi

E ha trasmesso alla Casa Bianca i risultati della sua indagine, scrivono i giornali americani, basati su diverse intercettazioni

Una manifestazione per protestare contro l'uccisione di Jamal Khashoggi, a Istanbul. (BULENT KILIC/AFP/Getty Images)

La CIA, l’agenzia di intelligence straniera statunitense, ha concluso che fu il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman a ordinare l’omicidio del giornalista dissidente Jamal Khashoggi, ucciso nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul lo scorso 2 ottobre. Lo hanno riportato venerdì il Washington Post e poi gli altri principali media americani, basandosi su diverse fonti vicine all’indagine, le cui conclusioni sono state trasmesse alla Casa Bianca. È una versione che contraddice quella ufficiale della monarchia saudita, che dopo essere stata cambiata diverse volte dalla famiglia reale ora dice che i responsabili dell’omicidio furono alcuni agenti dell’intelligence che agirono in autonomia senza coinvolgere Mohammed bin Salman. Il vicepresidente degli Stati Uniti, dopo l’uscita della notizia, ha detto che i responsabili dell’omicidio risponderanno dei loro crimini.

Ma in un paese totalitario in cui il controllo della monarchia è così pervasivo un omicidio come quello di Khashoggi – che fu ucciso in una stanza del consolato da una squadra di funzionari e agenti dell’intelligence – non sarebbe mai potuto accadere senza l’approvazione di Mohammed bin Salman, ha concluso la CIA. Questa tesi è stata confermata da due prove principali: alcune intercettazioni telefoniche del principe nei giorni precedenti all’omicidio, e una comunicazione di uno dei membri della squadra a un suo superiore subito dopo.

In quest’ultima conversazione, l’agente Maher Abdulaziz Mutreb annunciò la riuscita dell’operazione aggiungendo «dillo al tuo capo», secondo la CIA un chiaro riferimento a Mohammed bin Salman. Secondo le fonti del New York Times, invece, le altre intercettazioni precedenti dimostrano che Mohammed bin Salman stava cercando dei modi per attirare Khashoggi nel consolato, anche se non ci sono riferimenti diretti al suo omicidio. La CIA sta anche indagando sui contatti tra Khashoggi e il principe Khalid bin Salman, fratello di Mohammed e ambasciatore saudita a Washington, per verificare se sia stato coinvolto nell’omicidio. Lui ha negato scrivendo su Twitter di aver avuto l’ultimo contatto con Khashoggi un anno fa.

Le conclusioni della CIA complicano ulteriormente la posizione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che da settimane sta cercando di districarsi tra la necessità di preservare la strategica alleanza con l’Arabia Saudita e quella di punire i responsabili per mantenere la credibilità a livello internazionale. Trump ha avuto parecchi inciampi nella gestione della faccenda, e secondo la maggior parte degli analisti ha dimostrato di essere interessato principalmente a conservare l’ottimo rapporto che lo lega alla monarchia saudita, cosa che però è resa più difficile dal rapporto della CIA.

Giovedì il governo statunitense aveva approvato sanzioni individuali contro 17 persone saudite accusate di essere coinvolte nell’omicidio, tra le quali però non ci sono persone davvero importanti, e che in ogni caso avranno poco effetto visto che diversi obiettivi delle sanzioni sono già stati incarcerati dalla monarchia saudita.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.