La principessa Eugenia di York e Jack Brooksbank, sposati, Windsor, 12 ottobre (Yui Mok, Pool via AP)
  • Mondo
  • venerdì 12 ottobre 2018

Foto da un altro matrimonio reale

Si è sposata la principessa Eugenia di York, nipote della regina Elisabetta, con la solita sfilata di reali, famosi e cappellini

La principessa Eugenia di York e Jack Brooksbank, sposati, Windsor, 12 ottobre (Yui Mok, Pool via AP)

Oggi, venerdì 12 ottobre, si è sposata la principessa Eugenia di York, nipote della regina Elisabetta II e nona in linea di successione al trono britannico. La principessa Eugenia ha 28 anni, è la figlia minore del principe Andrea (terzo figlio della regina Elisabetta) e di Sarah Ferguson, duchessa di York, e dirige una galleria d’arte a Londra: si è sposata con Jack Brooksbank, con cui è fidanzata da anni, che lavora per Casamigos, la società fondata da George Clooney per produrre tequila.

Il matrimonio si è tenuto nella cappella di San Giorgio al castello di Windsor, dove a maggio si erano sposati anche il principe Harry e Meghan Markle, presenti insieme al resto della famiglia reale tra i più di 800 invitati. C’erano anche un po’ di facce famose: Cara Delevingne, Naomi Campbell, James Blunt, Kate Moss, Demi Moore e Robbie Williams, amico della principessa Eugenia e della sorella Beatrice al punto che sua figlia Theodora era una delle damigelle della sposa.

La sposa indossava un abito con un lungo strascico realizzato dagli stilisti Peter Pilotto e Christopher De Vos, con una scollatura sulla schiena pensata per rendere visibile la cicatrice di un intervento alla spina dorsale a cui la principessa Eugenia si sottopose a 12 anni per un problema di scoliosi. Durante la cerimonia ha cantato Andrea Bocelli. Dopo la cerimonia gli sposi hanno fatto un breve giro in carrozza per Windsor: negli ultimi giorni questa scelta è stata criticata per l’elevato costo per la sicurezza, che è a carico dei contribuenti ed è stato stimato attorno ai due milioni di sterline.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.