• Mondo
  • sabato 6 ottobre 2018

Cosa sappiamo sulla scomparsa del presidente dell’Interpol

Da giorni non si sa dove sia Meng Hongwei, presidente dell'organizzazione dal 2016, ma ci sono sospetti sia detenuto in Cina

Il presidente dell'Interpol Meng Hongwei all'Interpol World congress del 4 luglio 2017, a Singapore (AP Photo/Wong Maye-E, File)

Da giorni non si sa dove sia Meng Hongwei, il presidente dell’Interpol, l’organizzazione internazionale per la cooperazione delle forze di polizia. Sua moglie ne ha denunciato la scomparsa il 4 ottobre, ma la sua famiglia ha perso i contatti con lui fin dal 25 settembre, giorno in cui Meng doveva partire per la Cina. A indagare sulla sparizione è la polizia francese, dato che il quartier generale dell’Interpol si trova a Lione, in Francia, dove la moglie di Meng ha fatto denuncia.

Una fonte anonima della polizia francese ha detto all’agenzia di stampa AFP che l’ultima volta che Meng è stato visto non si trovava più sul suolo francese, ma si è rifiutata di aggiungere altro. Secondo una fonte anonima del South China Morning Post, un quotidiano di Hong Kong, Meng è stato arrestato dalle autorità cinesi non appena arrivato in Cina dalla Francia; non si sa però perché sia sotto indagine o dove sia detenuto.

Chi è Meng e cosa fa il presidente dell’Interpol
Meng Hongwei ha 64 anni ed è stato il primo cinese a diventare presidente dell’Interpol, che si basa sulla collaborazione delle polizie dei paesi membri per localizzare e arrestare criminali presunti o già condannati. Il suo mandato da presidente è iniziato nel 2016 e finirà nel 2020. Dal 2004 Meng è anche uno dei viceministri per la Pubblica sicurezza in Cina: aveva ricevuto questo incarico quando era ministro Zhou Yongkang, un politico all’epoca molto potente che poi è stato uno degli obiettivi principali della campagna anti-corruzione del presidente cinese Xi Jinping. Fino allo scorso aprile, inoltre, Meng era anche il capo dell’ufficio cinese dell’Interpol.

L’incarico da presidente dell’Interpol è più di garanzia e controllo che operativo. Come ha spiegato la stessa Interpol in un breve comunicato sulla scomparsa di Meng, è il segretario generale dell’organizzazione – al momento il tedesco Jürgen Stock – a occuparsi della sua gestione quotidiana.

Cos’altro sappiamo della sparizione di Meng
Quando la moglie di Meng ha denunciato la scomparsa del marito ha anche detto alla polizia di aver ricevuto delle minacce per telefono e sui social network. Non si sa perché abbia aspettato più di una settimana a denunciare la sparizione del marito, ma i giornalisti esperti di Cina hanno fatto alcune ipotesi. Non sarebbe la prima volta che un funzionario del Partito Comunista cinese “sparisce” per alcuni giorni: solitamente dopo un certo periodo di tempo le autorità cinesi dicono di aver aperto un’indagine su di lui.

La giornalista di BBC Celia Hatton ha notato che in passato è capitato raramente che i familiari di funzionari di partito cinesi “scomparsi” si rivolgessero ad autorità straniere per denunciare la sparizione dei propri cari, per timore di maggiori ripercussioni. La legge cinese prevede che una persona possa essere trattenuta dalla polizia senza accuse formali, senza poter contattare un avvocato e la propria famiglia, anche per due mesi. Per ora il ministero degli Esteri cinese non ha risposto alle richieste di informazioni sulla questione da parte dei quotidiani internazionali.