• Italia
  • sabato 6 ottobre 2018

I danni del maltempo in Calabria

Una donna e un bambino sono morti, un altro è disperso; la situazione sta migliorando, ma ci sono ancora problemi per i trasporti

Alcuni mezzi bloccati nel torrente Allaro, vicino a Caulonia, in provincia di Reggio Calabria, il 5 ottobre 2018 (ANSA/QdS)

Il maltempo che ha colpito il sud Italia in questi giorni si sta attenuando, anche se anche per sabato il dipartimento della Protezione civile ha attivato un’allerta rossa per la provincia di Taranto, in Puglia. Venerdì invece l’allerta rossa era attiva per la Calabria, dove una donna trentenne e i suoi due figli di 7 e due anni sono stati travolti dall’acqua esondata da un canale vicino a San Pietro Lametino, una frazione di Lamezia Terme: i corpi della donna e del bambino più grande sono stati ritrovati, mentre il bambino più piccolo è ancora disperso.

Su alcune aree della Calabria, soprattutto in provincia di Catanzaro, sono stati registrati 300 millimetri di pioggia in sei ore, 370 in tutto il giorno: più di quanto in media piova in tre mesi autunnali. La zona di Lamezia Terme, dove è esondato il torrente Cantagalli, è stata la più colpita. Lungo la strada statale 19, vicino a Curinga, che si trova a sud di Lamezia, è crollato un ponte.

Circa 150 persone residenti in via Crisone, una contrada collinare a sud di Crotone, sono state fatte evacuare per il rischio che un vicino bacino artificiale esondasse. Decine di persone sono state soccorse dai vigili del fuoco mentre si trovavano nelle proprie automobili bloccate dalle esondazioni e dagli smottamenti che hanno danneggiato l’asfalto in vari punti.

Per oggi resta attiva l’allerta arancione per la Calabria, oltre che per il sud della Puglia e sulla parte della Basilicata affacciata sul mar Ionio. In Calabria il traffico ferroviario è sospeso fra le stazioni di Gabella e Cirò, sulla linea Crotone-Sibari, per un guasto provocato dal maltempo, e sulla Crotone-Catanzaro Lido; a causa delle piogge non è stato possibile sostituire i treni con servizi di autobus.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.