Avremo ancora più pubblicità in prima serata

Merito di una nuova direttiva sulle tv approvata dal Parlamento Europeo, che fra le altre cose obbligherà Netflix ad avere un catalogo più europeo

(John Sadovy/BIPs/Getty Images)

Il Parlamento Europeo ha approvato una nuova direttiva sui servizi televisivi che obbligherà le televisioni e i servizi di contenuti in streaming – come Netflix – a cambiare alcune loro pratiche. La direttiva prende spunto da una proposta avanzata dalla Commissione Europea nel 2016 ed è stata scritta e approvata con una maggioranza molto ampia, che va dal centrodestra al centrosinistra. Le nuove misure erano già state concordate con il Consiglio della UE, che dovrebbe adottarle a breve: entreranno in vigore il ventesimo giorno dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale, e gli stati avranno 21 mesi per recepirle.

Le due misure che avranno un impatto maggiore riguardano la liberalizzazione delle pubblicità per le televisioni e una quota obbligatoria di prodotti europei che dovrà essere rispettata dai servizi audiovisivi on-demand, cioè di piattaforme come Netflix e Amazon Prime Video.

Per quanto riguarda la pubblicità, finora le leggi europee impongono che la loro durata non possa superare il 20 per cento di ogni ora di programmazione, quindi 12 minuti. La nuova direttiva – che è stata lodata dalla lobby europea della pubblicità televisiva –  manterrà il limite del 20 per cento ma lo renderà più flessibile: sarà calcolato complessivamente su due fasce orarie, dalle 6 alle 18 e dalle 18 fino a mezzanotte. Per quanto riguarda la seconda fascia, significa probabilmente che aumenterà la pubblicità durante la cosiddetta prima serata, cioè la fascia in cui il maggior numero di persone guarda la tv. Se fino a oggi per ogni ora di programmazione erano concessi 12 minuti all’ora, ipoteticamente le tv potranno trasmettere 22 minuti dalle 21 alle 22 e altri 2 minuti dalle 22 alle 23, rispettando la quota del 20 per cento. Per bilanciare eventuali storture, è stato deciso però che fra un intervallo pubblicitario e l’altro dovranno passare almeno 30 minuti.

Per quanto riguarda le piattaforme come Netflix, la nuova direttiva impone loro che i cataloghi «si compongano per almeno il 30 per cento di contenuti europei e che questi siano posti in rilievo in modo opportuno», come ha spiegato il Consiglio dell’Unione Europea dopo aver raggiunto il compromesso col Parlamento. La Commissione Europea conteneva una quota del 20 per cento, ma il Parlamento ha deciso di aumentarla perché piattaforme come Netflix e iTunes la rispettavano già (il Corriere Comunicazioni stima che al momento nei paesi dell’Unione offrano circa il 21 per cento di contenuti europei).

Netflix non ha commentato l’approvazione della direttiva ma non dovrebbe avere problemi ad applicarla, visto che da tempo ha aumentato la produzione e diffusione di film e serie tv nei paesi in cui è attivo. In Italia, fra l’altro, è in vigore un testo ancora più rigido: il cosiddetto decreto Franceschini del 2016 prevede per il 2018 una quota di almeno il 50 per cento di prodotti europei, valida sia per le tv che per i servizi come Netflix. La quota aumenterà progressivamente, fino ad arrivare al 60 per cento nel 2020.

La direttiva prevede una serie di altre misure rilevanti ma di minore portata: ad esempio l’estensione delle protezioni per i minori – come l’inserimento di un codice per vedere certi programmi – anche ai servizi come Netflix, e obbliga gli stati a rendere disponibili i propri contenuti per le persone non vedenti o non udenti entro il 2027.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.