• Cultura
  • mercoledì 26 settembre 2018

Manifesti pubblicitari dal boom economico

Locandine di Coca Cola, Simmenthal, Lambretta, detersivi e macchine da scrivere Olivetti, in mostra a Treviso

Gian Carlo Rossetti per Studio Stile, Supertrim, 1950-1959 (fondo blu/balena)

Dal 28 settembre al 17 marzo 2019 il Museo nazionale Collezione Salce di Treviso ospiterà la mostra Verso il Boom! 1950 – 1962 che raccoglie una selezione di manifesti pubblicitari realizzati in Italia negli anni del Dopoguerra e del boom economico. Ci sono le pubblicità della Simmenthal, delle patatine Pai, della macchina da cucire Necchi e delle macchine da scrivere Olivetti, realizzate da pubblicitari come Erberto Carboni, Marcello Dudovich, Bob Noorda e Armando Testa.

Marta Mazza, curatrice della mostra e direttrice del museo, ha spiegato che «passata la guerra, un incontenibile entusiasmo progettuale si diffonde capillarmente nel Paese e la pubblicità riflette e anticipa, sottolinea, enfatizza questo sentimento, vivendo un momento di straordinaria effervescenza».

Il museo è stato aperto lo scorso anno e ospita migliaia di locandine e manifesti pubblicitari dai primi del Novecento agli anni Sessanta: è una sorta di antologia della grafica pubblicitaria, curata dal collezionista Nando Salce, nato a Treviso nel 1877. Salce iniziò la sua collezione con l’acquisto della locandina “Incandescenza a gas Auer“, di Giovanni Maria Mataloni, realizzata nel 1895, e la continuò fino a raccogliere 24.580 pezzi, che alla morte, nel 1962, donò allo stato.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.