Krzysztof Piatek dopo il gol segnato al Bologna (LaPresse/Tano Pecoraro)
  • Sport
  • lunedì 17 Settembre 2018

Il nuovo attaccante polacco della Serie A

Si chiama Piatek, si legge "Piontek", gioca nel Genoa e segna sempre

Krzysztof Piatek dopo il gol segnato al Bologna (LaPresse/Tano Pecoraro)

Nell’ultima giornata di campionato il Genoa ha battuto in casa il Bologna grazie a un gol del suo nuovo centravanti polacco, Krzysztof Piatek, ottenendo così la sua seconda vittoria in tre partite disputate. Anche quest’anno, come ogni anno, la squadra del Genoa è cambiata molto nel corso dell’estate, a maggior ragione dopo l’ultimo campionato, terminato a sei punti dalla zona retrocessione. La squadra aveva bisogno soprattutto di un centravanti in grado di garantire almeno una decina di gol all’anno, visto che nella passata stagione, fra molte difficoltà, il miglior realizzatore della squadra era stato l’italiano Gianluca Lapadula, con appena sei gol segnati in ventotto partite. In sole tre giornate di campionato, il nuovo acquisto Piatek ha già segnato quattro gol e ha portato al Genoa i sei punti con cui ora è in settima posizione, nonostante abbia una partita da recuperare. Era dal 1948 che un giocatore del Genoa non segnava così tanto a inizio campionato.

Piatek ha da poco compiuto ventitré anni ed è stato comprato in estate dal Cracovia, con cui nell’ultima stagione era stato il terzo miglior marcatore del campionato polacco segnando ventuno gol in trentasei partite, quasi il doppio di quelli segnati nella stagione precedente, sempre con il Cracovia. A detta di molti osservatori, il miglioramento di Piatek nella passata stagione è stato rapido e per questo sorprendente, a maggior ragione considerando che nell’ultimo campionato polacco – il cui livello è uno dei più bassi d’Europa – il Cracovia ha concluso la stagione al decimo posto. Piatek è stato il giocatore che ha portato più punti alla squadra, dimostrando che oltre ad avere delle caratteristiche fisiche e tecniche già all’altezza di un grande campionato europeo, è uno a cui non pesano più di tanto le difficoltà della squadra. Nel gioco è risultato sempre freddo sotto porta e bravo nel non fornire punti di riferimento alla difese avversarie.

Il presidente del Genoa Enrico Preziosi ha detto di aver deciso di comprarlo immediatamente dopo aver visto in una notte alcune registrazioni della sua passata stagione. Insieme ad altri dirigenti ha riconosciuto in Piatek un grande potenziale, e ha deciso di comprarlo forse anche ricordandosi di quando fu vicino all’acquisto di un giovane Robert Lewandowski, oggi al Bayern Monaco e considerato uno dei primi tre centravanti in attività. Al suo arrivo in Italia, Piatek non si è fatto aspettare. Ha esordito in una partita ufficiale lo scorso 11 agosto contro il Lecce in Coppa Italia segnando tutti e quattro i gol con cui il Genoa è passato al turno successivo. In campionato ha segnato all’esordio contro l’Empoli, due volte nella sconfitta contro il Sassuolo e poi domenica pomeriggio.

Il gol del vantaggio segnato in Sassuolo-Genoa

Le sue prestazioni negli ultimi mesi hanno reso praticamente inevitabile una sua chiamata nella Nazionale maggiore polacca, con cui ha esordito a settembre nella partita amichevole pareggiata contro l’Irlanda, giocando peraltro accanto ad Arkadiusz Milik, altro centravanti polacco della Serie A. Dopo aver visto le sue prime partite della stagione, il presidente federale polacco Zbigniew Boniek, altro storico attaccante del campionato italiano, ha voluto subito chiarire la pronuncia corretta del suo cognome, visto che probabilmente lo sentiremo spesso: si dice Piontek, non Piatek.