(AP Photo/Luca Bruno)
  • Mondo
  • sabato 18 agosto 2018

È morto Kofi Annan

È stato un rispettato segretario generale dell'ONU, nel 2001 aveva ricevuto il Nobel per la Pace: aveva 80 anni

(AP Photo/Luca Bruno)

È morto Kofi Annan, famoso diplomatico ghanese che fra il 1997 e il 2006 è stato segretario generale dell’ONU. Aveva 80 anni e da qualche tempo era molto malato. La notizia è stata data dalla sua famiglia. Nel 2001 ottenne il Nobel per la Pace per il suo impegno “per un mondo meglio organizzato e con più pace”.

Annan era nato a Kumasi nel 1938. Da giovane studiò relazioni internazionali in Svizzera e management all’MIT di Boston. Entrò nell’ONU nel 1962, ricoprendo varie posizioni fra cui quella di responsabile alle missioni di peacekeeping.

Annan divenne segretario generale dell’ONU nel 1997, succedendo all’egiziano Boutros Boutros-Ghali. Nel 2001 fu confermato per un secondo mandato; dopo di lui il ruolo è stato ricoperto dal sudcoreano Ban Ki-moon e, dal 2017, dal portoghese António Guterres. Nei suoi anni da segretario generale dell’ONU Annan dovette occuparsi tra le altre cose delle conseguenze degli attacchi dell’11 settembre 2001 e della decisione di Stati Uniti e Regno Unito di invadere l’Iraq nel 2003. Le principali critiche al suo operato nell’ONU, non solo da segretario generale, hanno invece riguardato la gestione del genocidio in Ruanda e della guerra in Yugoslavia. Nel 2004 ebbe anche problemi per via di uno scandalo, noto come “oil for food”, che riguardava corruzione e pagamenti illegali e in cui ebbe un ruolo il figlio Kojo Annan.

Dalla fine del suo mandato ha continuato a lavorare nelle relazioni internazionali: nel 2012, all’inizio della guerra civile siriana, era stato nominato dall’ONU come inviato speciale per provare a negoziare fra il regime siriano e i ribelli. Nel 2016 era stato nominato a capo di una commissione che si occupa della crisi migratoria dei rohingya.

Annan si è anche dedicato alla fondazione che porta il suo nome, e che lui fondò nel 2007, ed è stato presidente di The Elders, fondata da Nelson Mandela. Nel 2001, nel discorso fatto dopo aver ricevuto il Nobel per la pace, disse: «Ho cercato di mettere gli esseri umani al centro di tutto, che si trattasse di prevenire un conflitto, gestire lo sviluppo o pensare ai diritti umani». Ha parlato del suo lavoro nell’ONU nel libro Interventions: A Life in War and Peace.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.