10 idee per fare un regalo di laurea

Per chi ha un buon budget e pensa che le penne stilografiche siano roba d'altri tempi

Una neolaureata della Wesleyan University di Middletown, nel Connecticut, il 27 maggio 2018 (Eduardo Munoz Alvarez/Getty Images)

Ogni luglio la famiglia e gli amici di un laureando si svegliano e sanno che dovranno farsi venire in mente qualcosa da regalare a quel laureando. Se fate parte di questa sfortunata categoria di persone, qui ci sono dieci idee che potrebbero fare al caso vostro oppure funzionare come punto di partenza per un brainstorming collettivo (probabilmente in una litigiosa chat di WhatsApp).

Un wok
Laurearsi significa essere più adulti di prima, quindi più responsabili, quindi più autosufficienti e quindi anche più autonomi in cucina, tra le altre cose. Un regalo per laureati abbastanza comune che parte da questo presupposto sono dei coltelli di buona qualità. Un’alternativa è un wok, cioè una padella di ferro o ghisa tradizionalmente usata nella cucina cinese e comoda per saltare e friggere. Richiede una manutenzione accurata, ma la questione della responsabilità entra in gioco anche qui. Questo wok di De Buyer è in acciaio, è compatibile con i fornelli a induzione e costa circa 50 euro.

Per impallinati dei videogiochi
Qualche settimana fa sono arrivati anche in Italia gli Oculus Go, i visori per la realtà virtuale di Oculus, un’azienda che appartiene a Facebook. Secondo gli esperti di videogiochi però non sono il massimo nel loro ambito: per chi è davvero impallinato di videogiochi (lo si può rimanere anche dopo essersi laureati) un bel regalo può essere il PlayStation VR, che funziona con la PlayStation 4. È una di quelle cose che si apprezzano, ma che solitamente non ci si compra da soli.

Google Home
Sempre pensando a un neolaureato come a una persona adulta che vive da sola e, apprestandosi ad abbandonare la vita da studente, in modo più adulto, un buon regalo innovativo può essere Google Home, l’assistente per la casa di Google. In breve, è un oggetto a forma di tronco di cono in cui ci sono delle casse e un software che reagisce ai comandi vocali: si può usare per farsi leggere le previsioni del tempo, le ultime notizie dal mondo o le quotazioni di borsa, oppure ancora per farsi dire quanto tempo si impiegherà per andare da qualche parte, mettere una playlist, controllare lampadine “smart” collegate al WiFi e accendere il televisore, se si ha anche il Chromecast.

Google Home si può acquistare per 150 euro sul sito di Unieuro, ad esempio, mentre Google Home Mini, una versione più piccola e compatta (con un altoparlante meno potente), costa circa 60 euro. Per fare un regalo più grosso si può abbinare appunto al Chromecast (al Chromecast Ultra, per chi vuole definizione a 4K) e/o ai nuovi dispositivi di Google per ampliare la copertura del WiFi, nel caso ce ne fosse bisogno.

Un buono per andare a un concerto
Se il tipo di regalo che volete fare è più del genere “hai studiato per tre/cinque/sei anni e ora devi divertirti un po’”, un biglietto per un concerto potrebbe essere una buona opzione. Dato che però non è sempre facile indovinare quale concerto potrebbe interessare alla persona a cui vorremmo regalarlo, una buona soluzione potrebbe essere un buono da spendere in biglietti: Ticketone ne offre con molti valori diversi, da 10 a 250 euro.

I festival di musica di quest’estate, in Italia

Un buono per qualcos’altro
Se l’idea del buono vi piace – le persone adulte sanno come spendere i propri soldi – potete scegliere un buono per regalare un viaggio aereo di Volagratis: una redattrice del Post consiglia come possibile meta per un weekend Sarajevo, la capitale della Bosnia, dato che volo a parte è molto economico soggiornarci. Oppure ancora potete optare per un buono di Amazon: si possono regalare fino a 5mila euro in questo modo. La grafica a tema laurea lascia un po’ a desiderare, quindi magari fate un po’ più gli originali con un bel biglietto.

Qualcosa per ascoltare la musica
Per i veri audiofili potrebbe essere un giradischi (un regalo abbastanza costoso e impegnativo, con questa guida potete orientarvi bene), mentre per la maggior parte delle altre persone dovrebbero bastare delle buone casse, cioè un buon impianto di diffusori per la musica in streaming. Tra i migliori per il rapporto qualità prezzo c’è lo speaker Sonos One, facile da installare e collegare al WiFi. La qualità del suono è sorprendentemente buona e ricca, per una scatoletta così piccola. Attenzione solo al fatto che non è portatile: va tenuto collegato alla corrente. Su ePrice costa poco più di 240 euro, su Amazon un po’ meno. C’è sia bianco che nero.

Un oggetto per la casa con una storia
Ad esempio qualcosa di acquistato in un mercatino dell’usato e fatto sistemare. Oppure qualcosa di nuovo che però c’è da tanto tempo e si fa riconoscere per il suo design. Poco tempo fa qui sul Post abbiamo parlato di un oggetto del genere: la lampada Anglepoise, che tutti avete già visto all’inizio di un film Pixar. Uno dei modelli più famosi, con parti in ottone, è in vendita su Amazon a circa 200 euro.

La lampada che ha inventato le lampade da tavolo

Una bicicletta pieghevole
Molto utile per chi vive in città e non deve fare tragitti troppo lunghi, sia perché in caso di bisogno si possono facilmente portare sui mezzi pubblici, sia perché si può evitare di lasciarle all’esterno e scongiurare così i furti. La difficoltà con le biciclette pieghevoli è scegliere il modello giusto, dato che ce ne sono tantissimi con grosse differenze di prezzo che corrispondono a diversi meccanismi per piegarle, diverse grandezze delle ruote e garanzie di durata diversa, tra le altre cose.

Le biciclette pieghevoli più economiche che si trovano in giro hanno un prezzo tra i 100 e i 300 euro (Decathlon vende alcuni modelli di questo tipo, la più costosa è anche la più leggera), ma se ne volete una davvero affidabile dovete spendere un po’ di più. Le Brompton, forse le bici pieghevoli più famose, costano più di mille euro, ma si possono trovare dei buoni modelli anche spendendo meno. Se volete regalare una bicicletta che abbia anche una storia, un’opzione che potreste trovare interessante è la storica Graziella di Bottecchia: i modelli nuovi, che pesano 15,5 chili, si possono acquistare su ePrice (che ha anche modelli di altri marchi e altri prezzi) per circa 630 euro.

Un borsone bello e comodo
Per fare un bel viaggio, lungo più di un weekend, post-laurea: quello di Patagonia consigliato dal Post  è stato definito dal suo recensore “la Germania dei borsoni” per la sua affidabilità. Si porta anche sulle spalle ed è particolarmente consigliato per quelli a cui non piacciono i trolley. Tutti gli altri dettagli li potete leggere qui:

La borsa per chi odia i trolley

E in più, una stilografica
Se al vostro laureato vorreste fare un regalo originale ma al tempo stesso vi dispiace non rispettare certe tradizioni, potete, in aggiunta a qualcos’altro, regalargli una classica penna stilografica, bella ma poco costosa. Ad esempio la Lamy Safari, una stilografica di plastica che c’è in tantissimi colori diversi e nel 1994 ha vinto l’iF Product Design Award, il più importante premio di design del prodotto a livello internazionale. Le sue cartucce si trovano in tutte le cartolerie ben rifornite. Costa circa 20 euro.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli con il tag Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Gli sconti del Prime Day di Amazon, tra il 16 e il 17 luglio

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.