• mercoledì 27 giugno 2018

La lampada che ha inventato le lampade da tavolo

Avete presente la lampada della Pixar? Ecco, anche quella arriva da qui

Chi ha visto un film Pixar ha presente la lampada che saltella nella sigla iniziale. Se non si conosce la storia del design, quella lampada potrebbe sembrare una qualsiasi lampada da tavolo, di quelle che si vedono in tutte le case: con le lunghe braccia metalliche e molle che le tengono nella posizione preferita. Le lampade di quel tipo, però, hanno una storia e un’origine ben definita e sono – compresa la lampada della Pixar – copie e derivazioni di quella che è considerata la lampada da tavolo: la prima a essere mai stata realizzata in quel modo, la Anglepoise. È stata progettata quasi 100 anni fa e c’è un motivo se tutti la copiano.

Nel 1929 l’ingegnere britannico George Carwardine lasciò il suo lavoro di progettista di sospensioni per automobili e cominciò a sperimentare su un’idea che aveva avuto qualche anno prima. Voleva creare dei sistemi meccanici “in tensione permanente” che potessero restare in equilibrio usando un sistema di leve molle speciali prodotte dalla ditta Herbert Terry and Son. Nel 1931, la prima applicazione del meccanismo inventato da Carwardine fu una strana lampada da tavolo con una base molto pesante e un braccio snodato che grazie a un sistema di quattro molle permetteva di spostare la lampadina avanti e indietro, in basso e in alto, come si desiderava. L’invenzione – la prima lampada Anglepoise – fu presentata l’anno successivo e brevettata quello dopo ancora.

Inizialmente la Anglepoise era venduta per uso industriale e militare, montata su treni e aerei da guerra. Una versione “domestica”, dai tratti più gentili e con tre molle al posto delle quattro originali, fu messa in vendita nel 1935: era la Anglepoise Original 1227. Fu inizialmente venduta in tempi di guerra come lampada perfetta per i black out, perché anche con una piccola lampadina alimentata da un generatore poteva essere usata – abbassandola – per illuminare qualcosa. Da lì, fece la storia del design.

La Anglepoise è prodotta ancora oggi e ne esistono diverse versioni, da tavolo, da muro, da pavimento, da soffitto. Una della più famose e vendute è la “brass”, con dettagli di ottone. Sul sito di e-commerce di abbigliamento e design Yoox c’è in tre colori ed è in vendita a 292 euro; su Amazon si trova a 195 euro. È un poco più economica la versione originale, che su Yoox si trova a 175 euro. Sempre su Yoox ci sono anche le versioni da muro, da soffitto e da pavimento. Esiste poi anche la Anglepoise Type 75, progettata dal designer britannico Kenneth Grange. Ha una linea più moderna e su Amazon è in vendita con prezzi intorno ai 150 euro. Su Yoox, la Type 75 color argento si trova a 133 euro.

A metà degli anni Settanta, una squadra di americani che cercavano il mostro di Loch Ness nel famoso lago scozzese trovò sotto il fondo fangoso il relitto di un aereo da guerra britannico precipitato durante la Seconda guerra mondiale e di cui si erano perse le tracce. Dieci anni più tardi, circa 40 anni dopo l’incidente che lo aveva fatto precipitare, l’aereo fu recuperato: la Anglepoise di cui era equipaggiato funzionava ancora. E funziona ancora, potete andare a controllare.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli con il tag Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.