Un accampamento nella zona orientale tra Aasivissuit a Nipisat, in Groenlandia (© Ólafur Rafnar Ólafsson - UNESCO)

I 20 nuovi luoghi patrimonio dell’UNESCO

Di Ivrea avete già letto, questi sono gli altri: magari siete ancora in cerca di idee per le vacanze

Un accampamento nella zona orientale tra Aasivissuit a Nipisat, in Groenlandia (© Ólafur Rafnar Ólafsson - UNESCO)

L’UNESCO, l’agenzia delle Nazioni Unite che si propone di proteggere e conservare luoghi significativi dal punto di vista storico, culturale e ambientale, ha annunciato la scelta di 20 nuovi luoghi protetti, selezionati dal 42esimo comitato del Patrimonio mondiale che si è riunito a Manama, in Bahrein, dal 24 giugno al 4 luglio. L’elenco comprende in tutto 1.092 siti in 167 paesi; in Italia ce ne sono 54 (molti li trovate qui) tra cui uno appena incluso, la città industriale di Ivrea.

I nuovi luoghi protetti sono stati scelti tra 33 proposte: 17 hanno un valore storico e culturale e tre sono parchi naturali; nove si trovano in Asia, quattro in Europa, tre in America, tre in Africa e uno in Oceania. Tra questi ce ne sono alcuni raggiungibili in poche ore in aereo, come Medina Azahara, centro del califfato Omayyade in Spagna, e il complesso vulcanico Chaîne des Puys, nella Francia centrale; altri richiederanno un viaggio più lungo e organizzato, come i monasteri buddisti sudcoreani e i siti archeologici Sasanidi in Iran.

Dentro ogni foto, la descrizione del perché quel posto è stato selezionato dall’UNESCO:

I 20 nuovi luoghi protetti dall’UNESCO

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.