• Moda
  • lunedì 2 luglio 2018

Da oggi Roger Federer veste Uniqlo

E non Nike, come faceva dal 1994

Roger Federer con il nuovo compelto di Uniqlo al primo turno a Wimbledon contro il serbo Dusan Lajovic, Londra, 2 luglio 2018 (GLYN KIRK/AFP/Getty Images)

Lunedì il tennista svizzero Roger Federer ha giocato il primo turno di Wimbledon, il più prestigioso torneo di tennis sull’erba al mondo, contro il serbo Dušan Lajović: e per la prima volta dal 1994 ha indossato un completo non firmato da Nike. Il nuovo sponsor tecnico di Federer, considerato da molti il più grande tennista di tutti i tempi, è l’azienda giapponese Uniqlo. L’accordo con Uniqlo prevede, scrive il sito di sport ESPN, che Federer riceva 300 milioni di dollari – l’equivalente di circa 260 milioni di euro – per i prossimi dieci anni, anche quando smetterà di giocare. Federer continuerà a indossare scarpe Nike, dato che Uniqlo non fabbrica scarpe da tennis. Com’era prevedibile, comunque, Federer ha battuto Lajović per 6-1, 6-3, 6-4.

Secondo gli esperti l’ultimo accordo firmato da Federer con Nike valeva 10 milioni di dollari l’anno, circa 8,6 milioni di euro; dal 2010 gli era stata dedicata una popolare collezione apposita con il marchio RF, le sue iniziali. I diritti del marchio RF appartengono a Nike e, scrive il sito di sport ESPN, non è chiaro cosa ne farà ora l’azienda, anche se sul sito ha già messo in sconto buona parte degli articoli. Federer era uno dei testimonial di Nike più famosi, apprezzati e popolari. Il contratto con Nike è scaduto il primo marzo ma Federer ha continuato a vestire Nike fino alla conferenza stampa di apertura di Wimbledon, dove si è presentato con una giacca senza logo, confermando di fatto le voci su un suo possibile nuovo sponsor.

Prima di Federer, Uniqlo aveva vestito il tennista serbo Novak Djokovic; l’accordo si era concluso nel 2017 e da allora Djokovic è passato a Lacoste.

Roger Federer con il trofeo della sua ultima vittoria a Wimbledon e in completo Nike, Londra, 16 luglio 2017
(Julian Finney/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.