(MLADEN ANTONOV/AFP/Getty Images)

Le partite di oggi ai Mondiali

Giocano le squadre dell'equilibrato gruppo H, e tornano i padroni di casa contro l'Egitto (non si sa se con Salah)

(MLADEN ANTONOV/AFP/Getty Images)

?? Colombia – Giappone ??
Ore 14.00 / Saransk

Il gruppo H è l’ultimo a giocare in questi Mondiali, ed è anche uno dei più equilibrati sulla carta: Polonia, Colombia e in misura minore Senegal sono tutte nazionali non di prima fascia, ma che se fossero in un gran momento di forma potrebbero sorprendere, e puntare anche a raggiungere i quarti di finale. La prima a giocare è la Colombia, che se la vedrà con l’ultima squadra del girone, il Giappone, che non passa un gran periodo: l’allenatore Vahid Halilhodzic è stato esonerato ad aprile e sostituito con Akira Nishino, ma i giornali hanno raccontato che negli spogliatoi non tira una bellissima aria. I giocatori più famosi, Keisuke Honda (ex Milan), Shinji Kagawa (Borussia Dortmund)  e Shinji Okazaki (Leicester), sono nella fase discendente della propria carriera, ma si caricheranno probabilmente la squadra sulle spalle.

La Colombia, che fu la sorpresa del Mondiale 2014 arrivando ai quarti, ha più o meno la stessa squadra da anni, e spera di poter contare su un James Rodriguez ai livelli di quello che si vide in Brasile quattro anni fa, quando le sue prestazioni ne fecero decollare la carriera. Juan Cuadrado della Juventus, Davinson Sanchez del Tottenham e Radamel Falcao del Monaco, al suo primo Mondiale, sono le altre stelle della squadra.

?? Polonia – Senegal ??
Ore 17.00 / Sochi

La Polonia è probabilmente la nazionale più attrezzata e forte del gruppo H, e secondo qualcuno potrebbe essere una delle sorprese del Mondiale. Conta su calciatori che giocano ai massimi livelli del calcio europeo come Wojciech Szczęsny della Juventus, Piotr Zielinski e Arek Milik del Napoli, e Robert Lewandowski del Bayern Monaco. Ha avuto però anche la peggiore difesa della fase di qualificazione a questi Mondiali.

Ma il Senegal è forse la nazionale africana più promettente del torneo, per le grandi stagioni appena disputate dai suoi giocatori migliori, il centrale Kalidou Koulibaly del Napoli e l’attaccante Sadio Mané del Liverpool, due dei giocatori migliori del momento nel proprio ruolo. Sono aiutati dai centrocampisti Idrissa Gana Gueye dell’Everton e Cheikhou Kouyaté del West Ham, esperto capitano della Nazionale. Potrebbe essere una partita imprevedibile e ci saranno molti giocatori che hanno giocato o giocano in Italia (tra gli altri anche Keita Balde, ex esterno della Lazio).

?? Russia – Egitto ??
Ore 20.00 / San Pietroburgo

È la prima partita della seconda giornata di questo Mondiale, tra la nazionale ospitante e la sua diretta rivale alla qualificazione alla fase finale. La Russia all’esordio ha ottenuto la vittoria più larga dei Mondiali, finora, vincendo 5 a 0: ma l’avversario era l’Arabia Saudita, forse la squadra più scarsa del girone. Nella partita si sono fatti notare soprattutto Denis Čeryšev del Villareal, autore di due gol, e Aleksandr Golovin del CSKA Mosca (ma vicino alla Juventus, a quanto si dice).

Prima dell’inizio dei Mondiali si pensava invece che l’Egitto allenato da Hector Cuper, per quanto solido, non potesse giocarsela contro le nazionali storiche senza Mohamed Salah, il suo giocatore più forte nonché uno degli attaccanti più forti del mondo, attualmente in recupero da un infortunio. Invece nella prima partita ha perso per 1 a 0 contro l’Uruguay solo subendo un gol su calcio piazzato all’89esimo. Non si sa ancora se Salah ci sarà oggi, ma in ogni caso l’Egitto ha buone possibilità di battere la nazione ospitante.