• Italia
  • lunedì 11 giugno 2018

L’Aquarius non approderà in Spagna

La ong SOS Mediterranée ha rifiutato l'offerta del governo spagnolo: il viaggio fino al porto di Valencia sarebbe stato insostenibile per i seicento migranti a bordo della nave

Membri delle ong SOS Mediterranée e Medici Senza Frontiere vicino alla nave Aquarius durante un'operazione di salvataggio al largo della Libia, il primo maggio 2018 (LOUISA GOULIAMAKI/AFP/Getty Images)

Lunedì sera la ong SOS Mediterranée ha fatto sapere che la nave Aquarius in arrivo dalla Libia e con circa seicento migranti a bordo non approderà al porto di Valencia, nonostante l’offerta del nuovo governo spagnolo guidato dal socialista Pedro Sánchez. SOS Mediterranée – che si trova ancora tra Malta e Italia dopo che le era stato rifiutato l’approdo dal governo italiano – ha detto che il viaggio per Valencia sarebbe stato troppo lungo, dai tre ai cinque giorni, e avrebbe messo in pericolo la vita delle persone a bordo. La nave, infatti, ha già raggiunto la sua massima capienza e nei prossimi giorni è previsto un peggioramento del tempo. SOS Mediterranée ha ringraziato il governo spagnolo dell’offerta e ha sollecitato quello italiano a trovare una soluzione per le oltre seicento persone che si trovano sulla nave, molte delle quali minori e alcune in condizioni di salute precarie.

Il governo spagnolo – che da pochi giorni è guidato dal leader socialista Pedro Sánchez – aveva fatto sapere di aver messo a disposizione il porto di Valencia «per evitare una crisi umanitaria». Valencia dista però più di 1.500 chilometri e fin da subito erano emersi dubbi sul fatto che l’equipaggio e le persone soccorse sarebbero state in grado di compiere un viaggio così lungo.

Dalla notte tra sabato e domenica la Aquarius stava aspettando il permesso delle autorità italiane per attraccare in un porto della Sicilia e far sbarcare i 629 migranti soccorsi in diverse operazioni nei giorni scorsi. Il governo italiano aveva negato alla Aquarius l’autorizzazione per arrivare in Italia e aveva chiesto al governo di Malta di gestire l’accoglienza dei migranti a bordo; Malta aveva rifiutato sostenendo che secondo il diritto internazionale stava all’Italia prendersene carico. La Aquarius aveva quindi seguito l’indicazione dell’Italia di attendere nuovi ordini, ed era rimasta tra Malta e la Sicilia, dove si trova ancora oggi.

Cos’è l’Aquarius
È una nave per il salvataggio dei migranti nel Mediterraneo delle organizzazioni SOS Méditerranée e Medici Senza Frontiere, che la gestiscono congiuntamente dal 2016. È una vecchia imbarcazione della Guardia Costiera tedesca, che l’aveva usata dal 1977 fino al 2008. È lunga 77 metri e può ospitare fino a 500 persone. Ha la bandiera di Gibilterra.

Da quando è in servizio nel Mediterraneo per il soccorso dei migranti, si è spesso parlato dell’Aquarius: l’ultima volta poche settimane fa quando un bambino era nato a bordo della nave dopo un salvataggio di migranti. Nel 2017 la giornalista Annalisa Camilli aveva passato alcuni giorni a bordo della nave e ne aveva raccontato la vita a bordo e le operazioni di soccorso.

Cosa è successo sabato
Tra sabato e domenica l’Aquarius aveva recuperato in mare 629 persone, tra cui 123 minori non accompagnati e 7 donne incinte. 229 di queste persone avevano navigato a bordo di due gommoni (uno dei quali si era ribaltato), le altre 400 erano state invece recuperate in operazioni della Guardia Costiera e della Marina italiana e successivamente trasbordate sull’Aquarius.

In condizioni normali, dopo grandi operazioni di salvataggio come quelle degli ultimi giorni, l’Aquarius sarebbe arrivata in un porto del sud Italia per fare sbarcare tutti i migranti: perché l’Italia è il paese meglio attrezzato per gestire l’arrivo dei migranti e il più vicino ai posti dove vengono soccorsi. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva però deciso di negare alla nave il permesso di attraccare in un porto italiano. Nelle ore precedenti c’erano già stati due grossi sbarchi di migranti in Italia: 232 erano scesi sabato nel porto di Reggio Calabria, dopo essere stati soccorsi dalla nave della ong Sea Watch, e altri 220 circa erano sbarcati a Pozzallo.

Perché l’Italia non vuole la Aquarius?
Il nuovo governo italiano ha promesso più volte di adottare un approccio più duro nei confronti dei migranti che arrivano in Italia. Il principale promotore di questa linea è il nuovo ministro dell’Interno Matteo Salvini, segretario della Lega, che ha spesso difeso le sue posizioni dicendo di voler fermare il traffico di esseri umani nel Mediterraneo e ha più volte accusato le ong che salvano i migranti di complicità con i trafficanti di migranti nordafricani.

Domenica, poche ore dopo aver negato il permesso di sbarco all’Aquarius, Salvini aveva ribadito queste accuse, dicendo che l’Italia non poteva essere l’unico paese a farsi carico dell’accoglienza dei migranti. «Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c’è Malta che non accoglie nessuno, c’è la Francia che respinge alla frontiera, c’è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l’Europa che si fa gli affari suoi», aveva scritto Salvini su Facebook. «Da oggi anche l’Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell’immigrazione clandestina».

E Malta cosa c’entra?
Nella sua rotta verso l’Italia, l’Aquarius era passata molto vicina all’isola di Malta, che si trova a circa 140 chilometri a sud della Sicilia. Salvini aveva ripetuto più volte negli ultimi giorni che Malta avrebbe dovuto farsi carico di più dell’accoglienza dei migranti – «Il buon Dio ha messo Malta più vicino della Sicilia alla Libia. Non è possibile che risponda “no” a qualsiasi richiesta di intervento» – e al governo maltese era stata fatta anche una richiesta ufficiale di accogliere i migranti dell’Aquarius. Domenica sera il presidente del Consiglio Giuseppe Conte aveva scritto su Facebook di aver parlato con il primo ministro maltese Joseph Muscat e di avergli chiesto di far attraccare a Malta l’Aquarius, ricevendo una risposta negativa.

Perché Malta non va bene
Il problema è che Malta – un paese che ha una superficie che è un quarto di quella di Roma – è scarsamente attrezzata per occuparsi di uno sbarco di centinaia di migranti e soprattutto delle loro richieste di protezione internazionale. La cosiddetta convenzione di Amburgo del 1979 e altre norme sul soccorso marittimo prevedono inoltre che gli sbarchi debbano avvenire nel primo “porto sicuro” sia per prossimità geografica sia dal punto di vista del rispetto dei diritti umani. Per questi motivi le ong trasportano in Italia – e solo in Italia – tutte le persone che soccorrono nel tratto di mare fra Libia e Italia. Già oggi però Malta accoglie – in proporzione alla popolazione – molti più migranti di quanti ne accolga l’Italia.

L’Italia può chiudere i porti ai migranti?
Chiudere i porti, come ha detto di voler fare Salvini domenica, sarebbe una decisione con molte e rilevanti conseguenze. L’idea del governo sembra incompatibile con le norme previste dal Testo Unico sull’immigrazione del 1998, che regola «l’ingresso, il soggiorno e l’allontanamento dal territorio dello Stato» dei migranti. L’articolo 10 del Testo parla dei respingimenti, cioè la pratica di allontanare uno o più migranti che secondo lo stato non sono nella condizione di poter essere accolti. Il Testo specifica chiaramente che il respingimento non può avvenire «nei casi previsti dalle disposizioni vigenti che disciplinano l’asilo politico, il riconoscimento dello status di rifugiato ovvero l’adozione di misure di protezione temporanea per motivi umanitari».

La legge italiana, in sostanza, vieta di respingere persone che chiedono di ottenere una forma di protezione internazionale, cioè o l’asilo politico o la protezione per motivi umanitari. Dato che tutti i migranti che arrivano in Italia hanno diritto di fare richiesta di protezione, sarebbe difficile trovare una base legale per respingerli ancora prima che ne abbiano avuto la possibilità. L’Italia in passato è stata condannata più volte dalla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo per avere compiuto respingimenti illegali di massa sui passeggeri di alcuni barconi di migranti: la legittimazione di questa misura significherebbe probabilmente l’apertura di nuovi procedimenti da parte della Corte.

E quindi, l’Aquarius cosa fa?
L’Aquarius sta ancra aspettando che venga presa una decisione sul porto dove potrà sbarcare e intanto sta navigando tra la Sicilia e Malta. La sua rotta può essere seguita qui.

Mostra commenti ( )