I nove leader del G7 in posa per la foto di gruppo a La Malbaie, in Canada, l'8 giugno 2018 (Leon Neal/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 9 Giugno 2018

È un G7 complicato

Europa e Trump litigano su Russia e dazi, e forse non ci sarà un comunicato congiunto finale: intanto ci sono le prime foto di Conte in mezzo ai leader internazionali

I nove leader del G7 in posa per la foto di gruppo a La Malbaie, in Canada, l'8 giugno 2018 (Leon Neal/Getty Images)

Nel primo giorno del G7 di Charlevoix, in Canada, i leader europei hanno evidenziato varie divergenze con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, dando l’impressione di un summit complicato e che potrebbe addirittura concludersi senza un comunicato congiunto di tutti e sette i paesi coinvolti, come prevede la consuetudine. La stessa cancelliera tedesca Angela Merkel era arrivata ad auspicare questa conclusione, sostenendo che nelle accese discussioni di questi giorni gli stati europei non dovranno scendere a compromessi, e che dovranno essere onesti sui risultati dei colloqui, senza ricorrere a un comunicato “annacquato”.

È il primo incontro tra sette dei paesi più industrializzati del mondo a cui ha partecipato il nuovo presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte, che ha così incontrato per la prima volta, oltre a Trump, il primo ministro canadese Justin Trudeau, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron, la prima ministra britannica Theresa May e il primo ministro giapponese Shinzo Abe.

Ma è stato subito un summit complicato, perché gli stati europei si sono scontrati con Trump su diversi temi, per primo la Russia. Trump aveva detto prima del summit che lo stato guidato da Vladimir Putin dovrebbe essere riammesso al G8, da cui era stato escluso nel 2014 per via della guerra in Ucraina. Conte, in una mossa giudicata avventata da molti osservatori, si era detto d’accordo, unico tra i leader europei che invece mantengono posizioni molto critiche e severe nei confronti della Russia.

Nel primo giorno di G7, però, Conte si è in un certo senso riallineato con gli altri paesi europei, firmando una posizione comune stabilita al termine di un colloquio tra i leader del continente presenti al G7 che tra le altre cose ribadisce le sanzioni e sancisce l’inammissibilità della Russia al G8 finché non rispetterà gli accordi di Minsk, firmati nel 2014 per porre fine alla guerra in Ucraina. Prima dell’incontro, Conte era stato vago sulla posizione ufficiale dell’Italia di fronte a questi temi, spiegando che prima voleva sentire le posizioni degli altri paesi. Conte ha già tenuto incontri bilaterali con il presidente della commissione europea Jean Claude Juncker e con il presidente del Consiglio della UE Donald Tusk.

Ma al centro delle divergenze tra Trump e i leader europei c’è anche e soprattutto la questione dei dazi commerciali sull’importazione di alluminio e acciaio, applicati ufficialmente dagli Stati Uniti ai paesi europei a fine maggio, dopo mesi di trattative andate a vuoto che hanno avuto l’effetto di aumentare le tensioni. Secondo Reuters, gli Stati Uniti hanno accettato di avviare delle trattative formali sui dazi entro le prossime due settimane, ma è probabile che nei giorni del G7 non saranno raggiunti risultati: un po’ perché Trump non ama le trattative collettive, un po’ perché lascerà in anticipo il summit per raggiungere Singapore, dove incontrerà il dittatore nordcoreano Kim Jong-un. Apparentemente è stato Macron il principale negoziatore dell’Europa su questi punti.

Trump e gli stati europei sono in disaccordo anche su altri temi, dall’accordo sul nucleare iraniano (da cui sono recentemente usciti gli Stati Uniti) alle misure da applicare per combattere il riscaldamento globale (Trump vuole ritirarsi dagli accordi di Parigi).