• Sport
  • sabato 19 maggio 2018

La salita più dura del ciclismo mondiale

Come la rampa di un garage, ma per chilometri: oggi il Giro d'Italia passa dallo Zoncolan, una delle tappe più attese e decisive

di Gabriele Gargantini
(Gian Mattia D'Alberto - LaPresse)

Il ciclista inglese Chris Froome ha vinto la 14ª tappa del Giro d’Italia: 186 chilometri percorsi interamente in Friuli-Venezia Giulia, con partenza da San Michele al Tagliamento e arrivo in cima al Monte Zoncolan. Qui la notizia completa.

****

Quando si disegna il profilo altimetrico di una salita, si usa il giallo per i tratti di normale salita, l’arancione per quelli più ripidi e il rosso per quelli davvero ripidi, in cui la pendenza è oltre il 10 per cento. Il Monte Zoncolan, la salita d’arrivo della tappa di oggi del Giro d’Italia, è tutto rosso: è considerata la salita più difficile del ciclismo professionistico ed è anche noto come Kaiser, imperatore.

Lo Zoncolan è all’arrivo della 14ª tappa, che parte 186 chilometri prima da San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone. Sarà la quinta salita della tappa, dopo una di tre chilometri con pendenza media al 10 per cento, una di quattro con pendenze massime intorno al 15 per cento, una di 4,5 chilometri con una media che è ancora del 10 per cento e una, il Sella Valcada, di sette chilometri con pendenza media del 6 per cento. Dalla cima del Sella Valcada ci saranno dieci chilometri di discesa fino a Ovaro, il piccolo comune della provincia di Udine da cui si salirà verso lo Zoncolan, dal suo versante più ripido.

Lo Zoncolan fa parte delle Alpi Carniche e la cima è a 1.750 metri. È considerata la salita più dura del mondo perché, sebbene non lunghissima, ha una pendenza media del 12 per cento e una massima del 22. Ma la media del 12 per cento è influenzata dal fatto che i primi due chilometri siano solo di leggera salita perché, in realtà, dal secondo al sesto chilometro, ci sono cento metri al 22 per cento e poi la pendenza non scende mai sotto il 14 per cento. Per dirla in altri modi: in 10 chilometri l’altitudine cambia di 1.200 metri, dai 530 di Ovaro ai 1.735 dello Zoncolan.

Sullo Zoncolan ci sono, per quasi dieci chilometri, pendenze che in molte normali città si trovano solo nelle rampe di uscita dei garage sotterranei; e che non si trovano, così costanti e così alte, in nessun’altra salita d’Europa. Il Mortirolo, un’altra salita difficilissima, ci mette 12,5 chilometri per coprire un dislivello di 1.300 metri, e la pendenza massima non supera mai il 20 per cento. L’Angliru – una salita spagnola descritta come «disumana» – ha un tratto con pendenza al 23,5 per cento, ma una media del 10.

In Francia, al Tour, semplicemente non esistono salite anche solo paragonabili allo Zoncolan: come ha detto Gilberto Simoni, ex scalatore trentino che sullo Zoncolan ha vinto due volte, «i tratti più facili dello Zoncolan sono più duri dei tratti più duri delle salite del Tour». Simoni è anche il corridore che dal 2007 – primo anno di un arrivo del Giro sullo Zoncolan, dal versante di Ovaro – ci ha messo di meno a fare quei dieci chilometri: 39 minuti e tre secondi. Ma ha detto che «quando inizi a salire più che pensare di vincere vuoi solo che finisca», e che è una pendenza «atroce per un uomo su una bicicletta da corsa». Per chi se ne intende, oggi Chris Froome farà la salita con un 34×32: vuol dire usare un rapporto che sulle bici degli amatori non c’è nemmeno, perché usato su quasi ogni altra salita corrisponderebbe a pedalare quasi a vuoto.

Matteo Tosatto, ex corridore e direttore sportivo della Sky, la squadra di Froome, ha spiegato che sullo Zoncolan è praticamente impossibile, o comunque inutile, fare attacchi: cioè cercare di staccare gli avversari pedalando più forte di loro per guadagnare vantaggio. Ognuno deve salire al proprio passo e la sfida principale è non andare fuori giri, perché altrimenti si rischiano di perdere minuti più che secondi: «Soffri e sali al tuo ritmo. Non puoi fare altro, perché altrimenti non hai le energie per arrivare in cima. Ti fanno male le gambe ma anche le braccia, perché le usi di più quando ti alzi sui pedali». Wladimir Belli, ex scalatore, ha detto: «Non si può scattare sullo Zoncolan. Si va su solo di forza e resistenza». Matt White – direttore sportivo di Simon Yates, corridore britannico in Maglia rosa – ha detto che lo Zoncolan è una salita «violenta e implacabile».

Sven Tuft, compagno di squadra di Yates, ha detto che «i distacchi tra gli uomini di classifica potranno essere imponenti» e che, data la pendenza e la bassa velocità di ascesa, «magari vedi un altro lì davanti a te, ma il vostro distacco è di un minuto». Qualche anno fa Davide Cassani, attuale commissario tecnico della nazionale italiana di ciclismo, disse – con buona sintesi e con riferimento al fatto che in cima a molte salite ci sono delle chiese – che «in cima allo Zoncolan non c’è il santuario ma qualcuno la Madonna la vede».

Oggi sullo Zoncolan capiterà davvero di vedere arrivare corridori – i primi ma anche il centesimo – che subito dopo l’arrivo rischieranno di cadere a terra per la fatica. Ed è certo che molti corridori nelle ultime posizioni, non quelli che puntano alla Maglia rosa, arriveranno in cima anche grazie alle spinte di qualche tifoso. A complicare il tutto ci sarà il tempo: dopo che in settimana ha nevicato sullo Zoncolan, per oggi è probabile la pioggia, con temperature anche sotto i dieci gradi.

Di solito prima di una tappa di montagna si pensa alle tattiche che i corridori potrebbero usare. Nel caso di oggi non ci saranno molte tattiche e non serviranno a molto i gregari. Inizierà la salita e ci sarà di vedere chi riuscirà a farla meno lentamente, senza esagerare col rischio di trovarsi senza energie e con ancora qualche chilometro o centinaio di metri da fare. Quello dello Zoncolan è un arrivo ideale per scalatori puri e corridori che sanno gestire lo sforzo dal punto di vista fisico e mentale. C’è molta attesa per vedere Simon Yates, finora più forte di tutti in salita, riuscirà a reggere una salita così ripida; se Tom Dumoulin, che è secondo in classifica ma non è uno scalatore puro, riuscirà a tenere il passo di veri scalatori più leggeri di lui; se Chris Froome e Fabio Aru riusciranno a rimettere un po’ in sesto il loro Giro; se altri scalatori – magari italiani come Domenico Pozzovivo e Davide Formolo – potranno giocarsela per la vittoria.

Il passaggio dei corridori da Ovaro è previsto, a seconda della velocità media fino a quel momento, tra le 16.20 e le 17; poi ci sarà lo Zoncolan. La tappa si potrà seguire su Rai Due o Eurosport.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.