Cosa ha detto davvero Beppe Grillo sull’Euro

Dice che ha proposto un referendum sulla "zona euro", ma per il momento non sembra che il resto del Movimento condivida molto la sua proposta

(ANSA)

Beppe Grillo, fondatore e “garante” del Movimento 5 Stelle, ha detto in un’intervista al giornale francese Putsch di aver «proposto un referendum sull’euro» per poi parlare dell’importanza di permettere al popolo italiano di esprimersi sulla moneta unica, su una sua possibile alternativa e persino sull’uscita dall’Europa. Interpellato dai giornalisti, Di Maio ha detto che Grillo è «uno spirito libero» e ha aggiunto: «La linea sull’Europa resta sempre quella». Nell’intervista, Grillo aveva dichiarato.

All’interno del Movimento 5 Stelle abbiamo riflettuto su sette punti come le regole di bilancio europee, gli eurobond, le euro obbligazioni e anche sulla condivisione del debito. Se siamo un’unione di paese dobbiamo condividere. Perché ci sono due economie… quella del Nord e quella del Sud. E noi, gli italiani, noi siamo dentro il Sud. Per questo ho proposto un referendum per la zona euro. Io voglio che il popolo italiano si esprima. Le persone sono d’accordo? C’è un piano B? Dobbiamo uscire dall’Europa oppure no?

Le parole di Grillo sono state commentate immediatamente e criticate da gran parte dei dirigenti del Partito Democratico. L’ex segretario Matteo Renzi, per esempio, ha scritto che il Movimento 5 Stelle ha rivelato la sua vera natura dopo aver finto per qualche settimana atteggiamenti più sobri e “istituzionali”. Il suo principale rivale interno, il ministro della Cultura Dario Franceschini, dà invece una lettura opposta e dice che la deriva “anti-euro” del Movimento 5 Stelle si deve al fatto che il PD ha respinto le sue proposte di alleanza.

Per due mesi hanno fatto i bravi, "gli istituzionali". Oggi capiscono finalmente di non avere i numeri per Palazzo Chigi…

Gepostet von Matteo Renzi am Freitag, 4. Mai 2018

In realtà non è chiaro se la mutevole posizione del Movimento 5 Stelle nei confronti dell’euro è stata ulteriormente cambiata. Il Movimento è stato per lungo tempo favorevole a un referendum che riguardasse la permanenza dell’Italia all’interno della moneta unica, ma da circa un anno ha moderato la sua posizione. Lo scorso dicembre, per esempio, il capo politico del Movimento Luigi Di Maio diceva che il referendum rappresentava un’extrema ratio, anche se ammetteva che avrebbe votato a favore dell’uscita. Lo scorso gennaio il Movimento ha esplicitamente abbandonato l’idea del referendum, che non compariva più tra i 20 punti del suo programma.

Abbiamo provato a capire cosa pensa il M5S dell’euro e non ci siamo riusciti

Beppe Grillo però è ancora molto importante all’interno del Movimento 5 Stelle. Non solo ne è il fondatore e il proprietario del simbolo, ma occupa anche la carica di “garante”, che lo statuto definisce “custode dei valori fondamentali dell’azione politica” del Movimento. Non è chiaro se quella di Grillo sia una presa di posizione personale oppure se sia una nuova linea politica dettata in quanto “garante” del Movimento. E a dire il vero non è chiaro nemmeno se Grillo stia facendo una nuova proposta o se non si riferisca piuttosto al referendum sull’euro che aveva già proposto in passato e che il Movimento ha accantonato lo scorso gennaio. Nel resto dell’intervista non si fa nessun altro accenno alla questione.

Di Maio, interpellato dai giornalisti, ha ricordato che «Beppe Grillo è il nostro garante», prima di ripetere che la linea del Movimento 5 Stelle non è cambiata. L’intervista di Grillo, inoltre, non viene citata né sul suo blog né su quello del Movimento 5 Stelle, così come l’articolo originale non è stato ripreso da nessuno degli account social solitamente usati dal Movimento 5 Stelle.

Mostra commenti ( )