• Mondo
  • mercoledì 25 aprile 2018

Nella mostra Real Bodies ci sono cadaveri di detenuti cinesi giustiziati?

È quella che espone corpi umani con tutti i particolari visibili: se ne riparla perché un gruppo di attivisti australiani ha chiesto di vietarla

(AP Photo/Ibrahim Usta)

Un gruppo di dodici avvocati, professori e attivisti dei diritti umani ha scritto una lettera aperta al primo ministro australiano Malcolm Turnbull e al ministro della Salute del New South Wales, Brad Hazzard, per chiedere la chiusura di “Real Bodies: The Exhibition” di Sidney. La mostra espone cadaveri umani e parti anatomiche conservati con la plastinazione, una particolare tecnica che mantiene intatti i tessuti e consente di vederne i particolari: secondo gli attivisti i corpi sarebbero quelli di detenuti cinesi giustiziati, tra cui prigionieri politici.

Non è la prima volta che Real Bodies è accusata di utilizzare corpi provenienti da una sorta di traffico nero, mai provato, di cadaveri provenienti dalla Cina e da ex stati sovietici. Gli organizzatori della mostra – che da anni viene proposta in tutto il mondo ed è stata vista da più di 50 milioni di persone – hanno sempre respinto le accuse mostrando carte e documenti che attestano l’effettiva regolarità delle donazioni dei corpi. In questo caso però gli attivisti scrivono che manca la «documentazione che dimostra la provenienza etica e legale di ogni corpo» e che le prove che si tratti di detenuti cinesi «sono credibili». Vaughan Macefield – uno dei firmatari, professore di fisiologia alla Western Sydney University – ha detto che «ci sono forti prove a sostegno dell’idea che i corpi e gli organi provengano da prigionieri giustiziati in Cina. In mostra ci sono quasi solo maschi di giovane età: una cosa molto diversa dai corpi più vecchi donati per l’insegnamento dell’anatomia nelle scuole mediche australiane».

Il gruppo spiega anche che non è credibile la tesi degli organizzatori per cui si tratterebbe di corpi morti in ospedale, non identificati o reclamati, perché il processo di plastinazione deve iniziare a 48 ore dalla morte e gli ospedali cinesi sono tenuti per legge a conservare i cadaveri non identificati per 30 giorni. Tom Zaller, tra gli organizzatori di Real Bodies, ha detto che le accuse sono «ridicole» e «infondate» e che i cadaveri sono «controllati dai ministeri della salute di tantissimi paesi». Ha precisato anche che il processo di plastinazione (qui potete approfondire come avviene) consiste nel rimuovere tutti i liquidi e che «non importa sia vecchio il soggetto: può anche avere cent’anni».

Zaller organizza mostre con cadaveri esposti e conservati con la plastinazione dal 2003. Nel 2008 gli organizzatori di un’esibizione simile, a cui partecipò anche Zaller, furono costretti dopo un’indagine del Congresso statunitense a precisare sul loro sito di non poter verificare in modo indipendente se i corpi in mostra fossero quelli di detenuti cinesi. In passato Real Bodies è stata vietata da alcuni paesi, come Israele e la Francia; in Italia nel 2013 ci fu un caso simile con la mostra Body World, che espone sempre cadaveri umani conservati con la plastinazione: il Comune di Milano respinse la richiesta di chiuderla dicendo che gli organizzatori avevano mostrato la documentazione che attestava la donazione dei corpi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.