• Sport
  • domenica 22 aprile 2018

Il Napoli ha battuto 1-0 la Juventus

Ha vinto la partita più attesa della stagione con un gol al novantesimo: ora ha un solo punto di svantaggio in classifica

I giocatori del Napoli esultano per il gol all'ultimo minuto di Kalidou Koulibaly (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Il Napoli ha battuto 1-0 la Juventus nella partita più attesa della 34ª giornata di Serie A. All’Allianz Stadium di Torino, in un incontro tutto sommato equilibrato ma in cui la Juventus non ha tirato in porta nemmeno una volta, il Napoli ha trovato la vittoria al novantesimo minuto con un colpo di testa su calcio d’angolo del difensore senegalese Kalidou Koulibaly. Il Napoli doveva vincere per portarsi a un punto di svantaggio dalla Juventus prima in classifica: lo ha fatto ed è riuscito inoltre ad ottenere la sua prima vittoria a Torino negli ultimi cinque anni. Il campionato verrà dunque deciso nelle ultime quattro giornate: in due di queste la Juventus dovrà giocare in trasferta contro Inter e Roma, due squadre di alta classifica. Il Napoli ha un calendario impegnativo ma più semplice: dovrà giocare contro Fiorentina, Torino, Sampdoria e Crotone.

Il primo tempo si è giocato su ritmi abbastanza alti, con le due squadre che però non hanno mai trovato degli spazi per rendersi pericolosi sotto porta. Il Napoli è andato al tiro da distanza ravvicinata in un paio di occasioni, ma sempre da posizioni defilate. La Juventus invece — che ha preso un palo con una punizione di Pjanic deviata — ha avuto delle evidenti difficoltà nella costruzione delle azioni dalla difesa, complice l’infortunio che ha costretto Giorgio Chiellini ad essere sostituito da Stephan Lichtsteiner nei primi minuti di partita. Chiellini è stato rimpiazzato in centro alla difesa dal tedesco Howedes — schierato inizialmente terzino — che però nel corso del primo tempo ha avuto delle grosse difficoltà a gestire gli attaccanti del Napoli.

Il secondo tempo è iniziato a sorpresa con la sostituzione di Paulo Dybala con Juan Cuadrado, scelta da Allegri per smuovere un po’ l’attacco della Juventus, praticamente mai visto nel corso del primo tempo. Alla sostituzione di Dybala il Napoli ha risposto dopo quindici minuti di gioco con l’ingresso del centravanti polacco Arkadiusz Milik al posto di Dries Mertens. Nei minuti successivi ha continuato a gestire la palla nella metà campo avversaria, senza però riuscire a oltrepassare in qualche modo la difesa juventina, se non in occasione di un tiro al volo all’interno dell’area piccola di Callejon. Nella seconda metà della ripresa il Napoli ha continuato a spingere, trovando il gol del vantaggio all’ultimo minuto dopo alcune buone occasioni in sequenza.

Miralem Pjanic e Medhi Benatia dopo il gol di Koulibaly (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Juventus e Napoli torneranno a giocare fra una settimana nella 35ª giornata di Serie A. La Juventus sarà impegnata sabato sera a San Siro contro l’Inter — squadra in piena corsa per la qualificazione alla Champions League — nel 232esimo “derby d’Italia” mentre il Napoli giocherà domenica sera a Firenze contro la Fiorentina.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.