(Dimitrios Kambouris/Getty Images)

È morto il dj svedese Avicii

Aveva 28 anni, ed è stato uno dei più famosi produttori di musica dance degli ultimi anni: non si conoscono ancora le cause

(Dimitrios Kambouris/Getty Images)

Avicii, nome d’arte del famoso dj svedese Tim Bergling, è stato trovato morto venerdì mentre si trovava a Mascate, in Oman: aveva 28 anni. La notizia è stata confermata dalla sua agente, che però non ha spiegato le cause della morte. «La famiglia è sconvolta e chiediamo a tutti, per favore, di rispettarne la privacy in questo momento difficile», ha detto in un comunicato.

     – leggi anche: Breve biografia di Avicii

Avicii, che era nato a Stoccolma nel 1989, è stato uno dei più famosi produttori di musica dance degli ultimi anni, e ha collaborato con alcuni dei più famosi artisti della musica pop e house contemporanea, da Chris Martin a Madonna a David Guetta. Una delle sue canzoni più famose, “Levels”, fu una delle più grandi hit del 2011. Soltanto pochi giorni fa il suo EP Avicii (01), uscito nell’agosto del 2017, era stato candidato a un Billboard Music Award.

In passato Avicii aveva sofferto di pancreatite acuta, in parte dovuta all’abuso di alcol. Si era sottoposto a un intervento per la rimozione della cistifellea e dell’appendice nel 2014, e aveva dovuto cancellare i successivi concerti per recuperare. Nel 2016 aveva interrotto le esibizioni dal vivo, ma aveva continuato a produrre musica. I suoi unici due dischi sono True (2013) e Stories (2015): il primo conteneva “Wake Me Up”, un’altra delle sue canzoni più famose.

***

Dove chiedere aiuto
Se sei in una situazione di emergenza, chiama il 118. Se tu o qualcuno che conosci ha dei pensieri suicidi, puoi chiamare il Telefono Amico allo 199 284 284 oppure via internet da qui, tutti i giorni dalle 10 alle 24.

Puoi anche chiamare i Samaritans al numero verde gratuito 800 86 00 22 da telefono fisso o al 06 77208977 da cellulare, tutti i giorni dalle 13 alle 22.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.