• Mondo
  • lunedì 9 aprile 2018

Forse c’è un problema col ponte marino più lungo del mondo

Collegherà Hong Kong a Macao e Zhuhai, in Cina: alcune foto sembrano evidenziare problemi di costruzione, ma il governo di Hong Kong dice che è tutto ok

Ci sono perplessità su parte dei lavori che hanno portato alla costruzione del ponte marino più lungo del mondo, tra Hong Kong, Macao e Zhuhai, una città della Cina continentale. La struttura è lunga 55 chilometri (per capirci: un eventuale ponte sullo stretto di Messina sarebbe lungo circa tre chilometri) e prevede un’alternanza tra ponti e tunnel sotterranei: per passare dai ponti ai tunnel sono state costruite delle isole artificiali. Alcune foto recenti scattate con dei droni mostrano però che alcune delle protezioni in cemento messe attorno alle isole artificiali sembrano meno efficaci del previsto: «Si teme che alcune parti del ponte marino più lungo del mondo stiano andando alla deriva», ha scritto Lily Kuo sul Guardian.

La costruzione del ponte è iniziata nel 2009, ma se ne parlava già negli anni Ottanta. Secondo i piani iniziali avrebbe dovuto aprire nel 2016; l’apertura al traffico è ora prevista entro il 2018, per un costo totale che si stima essere di circa 15 miliardi di euro, ma non ci sono dati ufficiali. Sono state usate 420mila tonnellate di acciaio: 60 volte quelle usate per la Torre Eiffel.

La struttura è fatta per resistere a un terremoto di magnitudo 8, avrà sei corsie e collegherà alcune delle aree più popolate al mondo: ora per andare via terra da Hong Kong a Zhuhai ci vogliono circa quattro ore; passando dal ponte ci si  metterà circa un’ora. Migliorerà l’economia e la viabilità dell’area, ma c’è chi dice che sia stata fatta soprattutto per aumentare ancora di più il controllo della Cina su Hong Kong, rendendola ancora più vicina. La gran parte della struttura è già stata completata e molte delle necessarie verifiche sono già state fatte.

(AP Photo/Kin Cheung)

Il recente problema – evidenziato da foto pubblicate alcuni giorni fa ma scattate a inizio mese – riguarda i blocchi di cemento, noti come “dolos”, che sono messi attorno alle isole per assorbire le onde e proteggere l’isola dalla forza dell’acqua. Nelle immagini si vede che alcuni blocchi di cemento dell’isola orientale, quella vicino a Hong Kong, sono stati sommersi e che altri sembrano essersi proprio staccati dall’isola.

Yu Lie, vicedirettore dell’ente di Zhuhai (quindi cinese) che si occupa della costruzione del ponte, ha detto al giornale di Hong Kong South China Morning Post, il primo a parlare delle foto: «Abbiamo il nostro modo di fare le cose, voi [Hong Kong] potreste avere le vostre. Sembrate dare per scontato che la struttura sia affondata, ma è stata progettata così. Non pensiamo ci sia alcun tipo di problema». Yu ha anche detto: «È un’area particolare e non possiamo mettere i blocchi in modo regolare, nel solito modo, sopra l’acqua».

Carrie Lam, la governatrice di Hong Kong, ha detto che «la stabilità dei lavori di costruzione è scientificamente provata» e ha aggiunto: «Spero che ora non ci si metta a dubitare del progetto, solo perché qualcuno ha fatto delle foto e qualche commento». Nel frattempo i più alti responsabili del ponte e dei trasporti di Cina e Hong Kong si sono incontrati, e hanno ricordato che nel 2018 il ponte aveva già resistito senza rilevanti problemi al tifone Hato. Daniel Chung Kum-wah, responsabile delle autostrade di Hong Kong, ha detto, dopo essere stato a Zhuhai, che parlerà alla stampa della questione.

Nel frattempo le «foto su internet» sono state commentate anche da alcuni esperti. Il South China Morning Post ne ha per esempio parlato con l’ingegnere Ngai Hok-yan, che si è detto poco convinto della spiegazione ufficiale, dicendo che i blocchi di cemento usati sono pochi e non sufficientemente pesanti, rendendo «insufficiente la protezione per l’isola artificiale». L’ingegnere Albert Lai Kwong-tak ha detto che la versione ufficiale è “irragionevole” e che l’unico modo per parlare seriamente della questione sarebbe la possibilità per gli esperti di accedere ai dati necessari. Ha detto, rivolgendosi a Lam: «Non sto dicendo che sia stato fatto male. Ma per favore spieghi perché è stato fatto bene e quanto bene è stato fatto».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.