Un rinoceronte indiano nel parco di Kaziranga, il 2 giugno 2016 (BIJU BORO/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 1 aprile 2018

Fin dove si può arrivare per proteggere una specie in via d’estinzione?

Nel parco indiano di Kaziranga le guardie forestali possono sparare ai bracconieri: in tre anni hanno ucciso 50 persone, compresi degli innocenti

Un rinoceronte indiano nel parco di Kaziranga, il 2 giugno 2016 (BIJU BORO/AFP/Getty Images)

Quest’anno nel triennale censimento dei rinoceronti indiani che vivono nel parco nazionale di Kaziranga, nel nord-est dell’India, sono stati contati 2.413 esemplari, dodici in più rispetto al 2015. È una buona notizia per questa specie, di cui negli anni Settanta c’era solo qualche centinaio di esemplari e che è tuttora considerata vulnerabile dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN). Due terzi dei rinoceronti indiani viventi si trovano nel parco di Kaziranga e il loro aumento è merito della gestione del parco. Il modo in cui questo successo è stato ottenuto, però, è molto controverso: per proteggere i rinoceronti le guardie forestali del parco hanno infatti gli stessi poteri che hanno i soldati incaricati di sedare le rivolte. Possono, in pratica, uccidere i bracconieri.

Il parco di Kaziranga esiste dal 1905 ed è un sito patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Potreste aver visto alcuni dei suoi animali nel documentario Planet Earth II, in parte girato proprio nel parco. Oltre ai rinoceronti indiani ci vivono tigri, elefanti, arni (un tipo di bufalo selvatico) e numerose specie di uccelli. Inoltre nelle acque del Brahmaputra, il fiume che passa accanto al parco, vivono i platanisti (Platanista gangetica), delfini di fiume a rischio d’estinzione.

Tra gli animali che vivono nel parco i rinoceronti sono i più cacciati dai bracconieri per via dei loro corni, che in Cina e Vietnam vengono pagati molto perché ritenuti capaci di guarire i più svariati disturbi e malattie, dai tumori alle disfunzioni erettili; 100 grammi di polvere di corno di rinoceronte arrivano a essere pagati l’equivalente di quasi cinquemila euro. I corni dei rinoceronti indiani sono più piccoli di quelli dei rinoceronti africani, ma sono ritenuti più potenti e per questo sono molto richiesti. Dal 2006 circa 15o rinoceronti sono stati uccisi per i loro corni.

La politica che permette alle guardie forestali di uccidere le persone che ritengono essere dei bracconieri è stata introdotta dopo che, nel solo 2013, furono uccisi 27 rinoceronti, più del doppio rispetto all’anno precedente. Fu un problema molto sentito anche perché il Kaziranga è la principale attrazione turistica dello stato di Assam (ogni anno accoglie 170mila visitatori o più), e per questo le autorità non esitarono a scegliere una soluzione drastica. L’allora direttore del parco MK Yadava propose di vietare qualsiasi ingresso non autorizzato, e di uccidere chiunque avesse violato questo divieto, giustificandosi dicendo che i crimini ambientali come il bracconaggio sono più gravi dell’omicidio.

Dal 2014 il numero di persone uccise dalle guardie forestali è cresciuto: nei primi tre anni dall’introduzione delle nuove regole sono state cinquanta, e per alcuni mesi la media è stata di due persone uccise al mese. Nel 2015 le guardie forestali del parco hanno ucciso 23 persone, più dei rinoceronti uccisi dai bracconieri nello stesso anno. Non sono disponibili dati più recenti sulle persone uccise dai guardiaparco.

L’anno scorso BBC aveva dedicato un articolo al parco di Kaziranga e ai metodi delle sue guardie forestali: una di queste aveva detto al giornalista Justin Rowlatt che lui e i suoi colleghi hanno l’ordine di sparare a qualunque persona vedano aggirarsi nel parco di notte. Il direttore del parco Satyendra Singh aveva invece detto a Rowlatt che prima di sparare le guardie hanno l’ordine di chiedere alle persone chi siano, e di sparare solo se queste sono armate. L’obiettivo primario, in ogni caso, sarebbe quello di arrestarle, in modo da ottenere informazioni sulla rete del bracconaggio.

Oltre agli evidenti problemi umanitari di questo metodo molto violento di svolgere la lotta al bracconaggio, c’è l’ulteriore conseguenza che periodicamente vengono uccise delle persone che con il bracconaggio non c’entrano nulla. Attorno al parco di Kaziranga ci sono moltissimi villaggi i cui abitanti sono abituati a spingersi all’interno della zona protetta – non ci sono recinzioni che la delimitino – per raccogliere legna da ardere, erbe e piante: è capitato più volte che fossero scambiati per bracconieri e colpiti dalle guardie forestali, in alcuni casi a morte. Nel luglio del 2016 capitò a un bambino di sette anni, Akash Orang, che stava andando a casa a piedi su un sentiero sul confine del parco: colpito gravemente alla gamba e non soccorso in modo adeguato (l’ospedale più vicino al suo villaggio era a cinque ore d’automobile), non riuscirà mai più a camminare come prima. Il parco ha ammesso l’errore, ha pagato le sue spese mediche e ha dato alla sua famiglia un indennizzo di quasi 200mila rupie, meno di 2.500 euro. In un altro caso un abitante di un villaggio scambiato per un bracconiere è stato arrestato e torturato per ottenere informazioni.

Dopo il ferimento di Orang gli abitanti dei villaggi attorno al parco di Kaziranga hanno organizzato numerose proteste contro il parco, e alcuni attivisti per i diritti umani hanno cominciato a occuparsi della questione, chiedendo giusti processi per le guardie forestali che abusano del proprio potere. Non ci sono infatti molte indagini sulle uccisioni compiute dalle guardie forestali, e dal 2014 al 2016 solo due persone sono state accusate formalmente di bracconaggio, contro le cinquanta uccise.

Per ora comunque gli sforzi degli attivisti che si occupano di diritti umani non hanno portato a grossi cambiamenti. Nel frattempo grandi organizzazioni ambientaliste, come il WWF, sembrano ignorare il problema: proprio il WWF ha più volte donato dei fondi al dipartimento per le foreste dello stato di Assam, con cui sono state acquistate attrezzature speciali per equipaggiare le guardie forestali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.