Gli orologi in Europa sono in ritardo di 6 minuti per una disputa sulla corrente elettrica

Un consumo anomalo di energia tra Serbia e Kosovo ha sbilanciato l'intera rete elettrica del continente

(AP Photo/Reed Saxon)

Radiosveglie e altri orologi collegati a una presa elettrica in Europa stanno accumulando fino a sei minuti di ritardo a causa di un consumo anomalo di energia tra Serbia e Kosovo, che sta avendo conseguenze per tutto il continente. Il problema è piuttosto serio e va oltre l’offerta di una formidabile scusa per i ritardatari cronici, come ha spiegato l’ENTSO-E, l’associazione che raccoglie i produttori di energia elettrica dei paesi europei e coordina le loro attività per offrire lo stesso standard in tutto il continente. Il problema è iniziato a metà dello scorso gennaio e i produttori chiedono che sia risolto quanto prima, per evitare ulteriori problemi e disagi.

Il consumo anomalo di energia riguarda il blocco Serbia-Macedonia-Montenegro (SMM) e, secondo le analisi dell’ENTSO-E, interessa soprattutto Serbia e Kosovo. La rete elettrica europea ha perso circa 113 GWh (gigawattora) da metà gennaio perché il Kosovo ha consumato più energia del dovuto. A causa delle ricorrenti dispute territoriali, la Serbia non ha dato la giusta fornitura elettrica al Kosovo per controbilanciare il maggiore consumo, portando di conseguenza a uno sbilanciamento nella rete europea.

Per comprendere il problema, bisogna farsi un’idea di come funziona una rete elettrica condivisa ed estesa come quella europea. I fornitori di energia collaborano per mantenere tutti i paesi collegati tra loro, in modo che possano avvenire scambi quando un paese ha più necessità di un altro, e che si possano gestire meglio i picchi, cioè i periodi in cui la domanda di energia è molto alta. Questo significa che ogni “nodo” della rete (centrali, trasformatori e altre strumentazioni) deve essere in grado di rilevare le variazioni e adattarsi di conseguenza per mantenere stabili le forniture. La rete eroga corrente alternata, un tipo di corrente elettrica nella quale la polarità (+ e -) viene invertita di continuo nel tempo. La variazione avviene con una periodicità fissa, che nel caso europeo è pari a una frequenza di 50 Hz (si verificano cioè 50 inversioni al secondo).

Mantenere stabile la frequenza su una rete così estesa è una delle sfide più grandi per i fornitori di energia elettrica. Se i consumi sono più bassi della quantità di energia prodotta, la frequenza aumenta; se invece i consumi sono più alti della produzione, allora la frequenza si abbassa. In tutta la rete europea, i generatori sono impostati con sistemi di controllo che regolano automaticamente il loro lavoro per rispondere ai cambiamenti della frequenza, in modo da mantenerla costante al variare dei consumi. Nel caso in cui parte della rete non lo faccia adeguatamente, come sta avvenendo in Serbia e Kosovo, la rete si sbilancia con un effetto a catena che porta la frequenza ad allontanarsi dai 50 Hz dello standard.

Le conseguenze possono essere numerose e riguardare molti sistemi collegati alla corrente elettrica. L’esempio a noi più vicino è proprio quello delle radiosveglie e degli orologi collegati a una presa. I modelli più semplici non hanno un sistema interno per regolarsi, ma sfruttano la frequenza della rete elettrica per calcolare un secondo ogni 50 variazioni della polarità della corrente elettrica. Se la frequenza cambia e si discosta molto dai 50 Hz, gli orologi iniziano a calcolare scorrettamente il passare del tempo, segnando un’ora sbagliata. I modelli più recenti di orologi hanno un ricevitore radio per regolare in modo più preciso l’ora, ma ci sono comunque molti orologi più rudimentali che non lo fanno: per esempio quelli sui forni elettrici e su altri elettrodomestici. Fino a quando non sarà risolto il problema a monte – in Serbia e Kosovo – questi orologi continueranno a segnare l’ora sbagliata. Solo negli ultimi giorni hanno accumulato fino a 6 minuti di ritardo.

Il gestore della rete elettrica svizzera ha il compito di registrare la frequenza dell’intera rete europea in tempo reale (trovate il dato qui). Da metà gennaio ai primi giorni di marzo, la frequenza è stata inferiore ai 50 Hz, a volte di diversi centesimi e più di recente di pochi millesimi, come 49,996 Hz. A partire da oggi le cose sembrano essere migliorate, anche se si registrano talvolta oscillazioni al di sotto dei 50 Hz.

Secondo le stime di ENTSO-E, entro la fine della settimana le variazioni dal valore standard dovrebbero essere risolte, ma potrebbero essere comunque necessarie settimane prima di riequilibrare completamente la rete. Resta invece da capire chi dovrà compensare i 113 GWh che sono mancati e che hanno portato allo sbilanciamento iniziale. I responsabili dell’associazione hanno inoltre chiesto che il problema sia affrontato a livello politico, con una soluzione che interessi Serbia e Kosovo.

I contrasti tra i due paesi vanno ben oltre le dispute sulla rete elettrica e le forniture di energia. Dalla fine della guerra in Kosovo nel 1999, la parte nord della regione ancora fedele alla Serbia non paga al governo centrale del Kosovo l’energia che utilizza. Nel 2015 un accordo con la Serbia sembrava avere risolto il problema, ma i princìpi concordati non sono mai stati adottati dal governo serbo. La Serbia ha risposto alle segnalazioni da parte dell’ENTSO-E di questi giorni accusando il Kosovo di avere attinto alla sua rete, senza avere le autorizzazioni per farlo.

Mostra commenti ( )