• Sport
  • mercoledì 7 marzo 2018

Le foto della Formula 1 a Barcellona

A Montmeló è iniziata la seconda settimana di test in vista della nuova stagione, con le nuove Ferrari, Mercedes e Red Bull molto vicine

Sebastian Vettel in pista nei test di Barcellona (Dan Istitene/Getty Images)

È iniziata mercoledì mattina sul circuito di Catalogna a Montmeló, vicino Barcellona, la terzultima giornata della seconda e ultima settimana di test in vista del nuovo Mondiale di Formula 1, che partirà il prossimo 25 marzo a Melbourne, in Australia. Da due settimane tutte le scuderie di Formula 1 stanno testando a Barcellona le loro nuove auto monoposto per le ultime – e decisive – messe a punto prima dell’inizio degli impegni ufficiali. Con la nuova SF71H la Ferrari si è posizionata stabilmente tra le macchine più veloci, con un unico contrattempo: i problemi fisici che hanno costretto Kimi Raikkonen a saltare i suoi giri di pista previsti oggi. Fin qui la macchina più veloce sembra la Red Bull, seguita da vicino dalla Ferrari e poi dalla Mercedes campione in carica, che ha girato con Lewis Hamilton e oggi manderà in pista Valtteri Bottas, il secondo pilota.

Fra le novità viste in pista a Barcellona – oltre all’halo – c’è il ritorno dell’Alfa Romeo su un circuito di Formula 1 e le rinnovate ambizioni del team Renault Sport Formula 1, che punta ad avvicinarsi alle tre scuderie più forti. La scuderia che invece ha avuto più problemi di tutte è stata la McLaren. Nella prima sessione a Fernando Alonso si è staccato un dado di una ruota e poi gli si sono rotti gli scarichi; questa settimana invece c’è stato un problema di elettronica che ha comportato lo spegnimento del motore e la perdita dei dati raccolti nei giri del secondo pilota Stoffel Vandoorne.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.