Olimpiadi invernali 2018: il medagliere finale

Nessun paese ha mai vinto tante medaglie quante ne ha vinte la Norvegia in Corea del Sud; l'Italia ha chiuso dodicesima e può dirsi soddisfatta

Il canadese Samuel Girard con la medaglia d'oro vinta nel pattinaggio di velocità (Ker Robertson/Getty Images,)

Le ultime gare delle Olimpiadi di Pyeongchang si sono tenute questa notte e hanno chiuso definitivamente il medagliere dei XXIII Giochi olimpici invernali. Lo ha vinto la Norvegia, che con 39 medaglie ha superato il record di 37 medaglie stabilito dagli Stati Uniti a Vancouver nel 2010: un risultato storico e oltre ogni aspettativa per il paese scandinavo. Per la prima volta nella storia dei Giochi invernali inoltre, trenta diversi paesi hanno ottenuto delle medaglie.

Il paese ospitante, la Corea del Sud, ha stabilito il suo record di risultati e ha chiuso al settimo posto. È stata una edizione tutto sommato positiva anche per l’Italia, che ha chiuso al dodicesimo posto con 10 medaglie di cui 3 d’oro: a Sochi, quattro anni fa, l’Italia concluse con 8 medaglie, nessun oro e in ventiduesima posizione finale. Qui il medagliere completo.

Quattro anni fa la Russia terminò i Giochi invernali al primo posto nel medagliere con 33 medaglie e 13 ori (molte medaglie furono però revocate in seguito allo scandalo doping). La Norvegia arrivò seconda con 26 medaglie e 11 ori mentre la Germania fece peggio di quanto ha fatto nelle prime sette giornate a Pyeongchang. Dopo la Norvegia, i risultati più rilevanti sono arrivati proprio dalla delegazione tedesca, che ha sfiorato la prima posizione nel medagliere finale e ha concluso i Giochi con gli stessi ori della Norvegia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.