Cos’è successo mercoledì alle Olimpiadi invernali, in foto

Stati Uniti e Svezia eliminate nello hockey, la prima vittoria americana nello sci di fondo femminile, ma soprattutto la medaglia d'oro di Sofia Goggia

Il canadese Brandon Kozun e il finlandese Jani Lajunenin (KIRILL KUDRYAVTSEV/AFP/Getty Images)

La dodicesima giornata di finali dei XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang è iniziata la scorsa notte e ha portato all’Italia una delle medaglie olimpiche più prestigiose: quella della discesa libera femminile dello sci alpino, vinta dalla bergamasca Sofia Goggia. L’Italia non aveva mai ottenuto prima una medaglia nella categoria femminile, e l’ultima maschile risaliva al 1952, quando Zeno Colò la vinse a Oslo. Con l’oro vinto oggi da Goggia, l’Italia ha superato sia il numero di ori sia il numero di medaglie complessive ottenute quattro anni fa a Sochi.

Non è arrivata nessuna medaglia dallo sprint a squadre nello sci di fondo, dove Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler sono arrivati quinti. Nella notte, invece, Carolina Kostner si è classificata sesta nel programma corto del pattinaggio di figura. Tra due giorni Kostner gareggerà nel programma libero, ma potrà puntare al massimo al terzo posto: le grandi favorite per la vittoria sono le russe Alina Zagitov ed Eugenia Medvedeva.

Negli altri sport, Stati Uniti e Svezia sono state eliminate ai quarti di finale del torneo maschile di hockey da Repubblica Ceca e Germania, e per entrambe è stata una grandissima delusione. Gli Stati Uniti, tuttavia, si possono consolare con la vittoria della prima storica medaglia d’oro nello sci di fondo femminile, arrivata nello sprint a squadre con Kikkan Randall e Jessica Diggins.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.