• Sport
  • sabato 17 febbraio 2018

È morto l’arrampicatore Jim Bridwell

Aveva 73 anni e negli anni Settanta diventò una figura leggendaria con le sue salite nel parco dello Yosemite

Jim Bridwell, uno dei più grandi arrampicatori della storia, conosciuto per le sue pionieristiche scalate sulle pareti del parco californiano dello Yosemite, negli anni Settanta, è morto venerdì a 73 anni. Suo figlio Layton ha detto che è morto di insufficienza renale e di epatite C: il mese scorso aveva messo in piedi una raccolta fondi online per pagare le spese mediche.

Bridwell, soprannominato “The Bird”, nacque a San Antonio, in Texas, il 29 luglio 1944. Fu una figura leggendaria nell’arrampicata e nella cultura hippy, che proprio nello Yosemite ebbe uno dei suoi luoghi chiave. Nel 1975 Bridwell, insieme a John Long e Billy Westbay, fece la prima ripetizione in meno di 24 ore della via conosciuta come The Nose sul Captain, una delle montagne più famose del parco dello Yosemite, con la sua imponente e fotogenica parete di circa 900 metri. Bridwell, Long e Westvay la scalarono “in artificiale”, cioè una tecnica di progressione che prevede l’utilizzo di scalette, ganci e altri attrezzi specifici da incastrare nelle fessure e nei buchi della roccia. Ci misero soltanto 15 ore, per una via – ancora oggi una delle più famose del mondo – che solitamente richiede alcuni giorni.

Bridwell, Long e Westbay nella storica foto che si scattarono dopo la salita della via The Nose.

Ai tempi di Bridwell, quella artificiale era l’unica tecnica utilizzata sulle ripidissime e difficilissime pareti dello Yosemite: tuttora la loro salita è considerata una delle più importanti della storia dell’arrampicata. La prima a salire la via The Nose in arrampicata libera, cioè utilizzando solo gli appigli naturali della roccia, e sfruttando attrezzi e chiodi soltanto per proteggersi in caso di caduta, fu la grande arrampicatrice americana Lynn Hill, nel 1993.

In tutto, Bridwell aprì un centinaio di vie nello Yosemite, comprese alcune sulla Half Dome, l’altra famosa montagna del parco. Fece anche delle importanti scalate in Alaska, sulle Alpi e in Patagonia, dove fece la prima ripetizione – e la prima salita in stile alpino – della famosa via dello scalatore italiano Cesare Maestri sul Cerro Torre. Bridwell fondò anche lo Yosemite National Park’s Search and Rescue Team (YOSAR). Oltre che per le sue scalate, è ricordato anche per il contributo fondamentale che diede alla tecnica dell’arrampicata artificiale, che contribuì a migliorare inventando nuovi attrezzi e perfezionando quelli già esistenti.