• Italia
  • venerdì 16 febbraio 2018

«Questo non è il mio nome»

È online la prima puntata di Postcast, il podcast del Post, sulla storia di un uomo a processo a Palermo con l'accusa di essere un'altra persona

Una foto di Medhane Yehdego Mered, il trafficante che secondo la procura di Palermo è a processo in Sicilia, ma che diverse indagini giornalistiche sostengono essere ancora in libertà (The Guardian)

«Questo non è il mio nome, questo non è il mio cognome. Questa non è la mia identità».

Da due anni un uomo si trova in carcere a Palermo con l’accusa di essere uno dei più pericolosi trafficanti di esseri umani, ma secondo molte credibili versioni è vittima di uno scambio di persona. La sua storia e la storia del suo processo raccontano molto sull’Italia, sulla giustizia, sull’antimafia, sull’immigrazione, sul giornalismo. Se ne parla nella prima puntata del Postcast, il podcast del Postcominciando proprio da queste parole con cui il 3 ottobre scorso Medhanie Tesfamariam Berhe si è rivolto ai giudici che lo stanno processando.

Ascolta “1. Stiamo processando la persona sbagliata?” su Spreaker.

Nella prima puntata del Postcast, però, non si parla solo di questo: Gabriele Gargantini, della redazione del Post, racconta le cose da sapere su alcuni film importanti e attesi che escono proprio in questi giorni. La seconda puntata uscirà tra una settimana, e si parlerà di altre cose. Il Postcast lo trovate su Spreaker e su Apple Podcast ed è prodotto da Piano P. Fateci sapere. Ci sentiamo venerdì prossimo.

Leggi anche:
– C’è una nuova prova nel processo alla persona sbagliata
I 9 candidati come Miglior film agli Oscar 2018

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.