Fuochi d'artificio all'esterno dello Stadio Olimpico di Pyeongchang (MARTIN BERNETTI/AFP/Getty Images)

Le foto della cerimonia inaugurale delle Olimpiadi

Le due Coree hanno sfilato assieme, i russi senza rappresentare la Russia e il presidente sudcoreano ha dichiarato aperti i Giochi

Fuochi d'artificio all'esterno dello Stadio Olimpico di Pyeongchang (MARTIN BERNETTI/AFP/Getty Images)

La cerimonia di apertura dei XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang si è tenuta oggi a mezzogiorno allo Stadio Olimpico di Daegwallyeong. La cerimonia ha aperto ufficialmente i Giochi invernali ed era molto attesa per un motivo in particolare: durante la sfilata delle delegazioni provenienti da tutto il mondo, gli atleti della Corea del Sud e della Corea del Nord – due paesi che formalmente sono ancora in guerra – sono entrati assieme allo Stadio Olimpico preceduti dalla bandiera della riunificazione coreana. Nelle gare in programma nei prossimi giorni, le due Coree parteciperanno separate, con l’eccezione della squadra mista di hockey femminile.

🤝 La foto di una storica stretta di mano durante la cerimonia di apertura

Gli atleti ammessi alle Olimpiadi Invernali di Pyeongchang sono 2.952, 78 in più di quelli che gareggiarono a Sochi nel 2014. Provengono da 92 paesi diversi e gareggeranno in 15 discipline, nella prima Olimpiade invernale che avrà in programma più di 100 gare con medaglie in palio. La delegazione italiana è composta da 121 atleti – 48 donne e 73 uomini – e sarà la più numerosa di sempre dopo quella che si presentò a Torino 2006 (lì furono 179). Gli italiani gareggeranno in 14 delle 15 discipline olimpiche: mancherà solo la squadra di hockey su ghiaccio. Nella cerimonia inaugurale la portabandiera della delegazione italiana è stata la pattinatrice Arianna Fontana, una delle atleta di punta della Nazionale, che a Torino 2006 divenne l’atleta italiana più giovane a salire sul podio ad appena 15 anni e 314 giorni.

🗓 Olimpiadi invernali: il programma completo delle gare
🖥 Dove vedere in diretta i Giochi di Pyeongchang

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.